Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 GIUGNO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Biotestamento. Mancano ancora i pareri della Bilancio sugli emendamenti. E l’esame rischia di slittare alla prossima settimana


La Commissione Sanità, suo malgrado, ha perso un intero mese di lavoro senza riuscire a fare nessun passo in avanti su questo provvedimento. Se, a questo, si aggiungono l'imminente arrivo in Parlamento della legge di Bilancio ed il forte ostruzionismo interno anche alla stessa maggioranza, l'unica via da percorrere sembra essere quella di forzare la mano e chiedere alla conferenza dei capigruppo l'invio del provvedimento in Aula nel testo approvato dalla Camera.

04 OTT - Ancora una volta niente da fare per il disegno di legge sul testamento biologico. Nella seduta di ieri, la presidente della Commissione Sanità del Senato e relatrice del provvedimento, Emilia Grazia De Biasi (Pd), ha dovuto rinviare i lavori non essendo ancora pervenuti i pareri della Commissione Bilancio sulle migliaia di emendamenti presentati.
 
"Non appena ve ne saranno le condizioni procedurali - ha spiegato la relatrice - si darà avvio alla fase delle votazioni, restando fermo il mio intendimento di concludere in un tempo ragionevole l'esame in sede referente". In questi giorni le Aule parlamentari sono però occupate per l'esame della Nota di aggiornamento del Def. La V Commissione tornerà a riunirsi per portare avanti i suoi lavori solo nella giornata di domani. È quindi probabile che il via libera agli emendamenti potrebbe arrivare non prima della prossima settimana.
 
La Commissione Sanità, suo malgrado, ha perso un intero mese di lavoro senza riuscire a fare nessun passo in avanti su questo provvedimento. Se a questo si aggiungono l'imminente arrivo in Parlamento della legge di Bilancio ed il forte ostruzionismo interno anche alla stessa maggioranza, l'unica via da percorrere per non 'staccare la spina' a questa proposta di legge sembra essere quella da noi suggerita già la scorsa settimana: forzare la mano e chiedere alla conferenza dei capigruppo l'invio del provvedimento in Aula, senza mandato del relatore, nel testo già approvato dalla Camera.
 
Giovanni Rodriquez

04 ottobre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy