Quotidiano on line
di informazione sanitaria
02 OTTOBRE 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Ddl Lorenzin. Il tempo stringe per la sua approvazione finale. Ecco cosa potrebbe accadere


La data più accreditata per le elezioni politiche secondo molti retroscena odierni sulla stampa sarebbe il 4 marzo 2018, con possibile scioglimento anticipato delle Camere prima di Capodanno. Se così fosse resterebbero pochi giorni di lavoro per l'Aula e, stando all'attuale calendarizzazione, ci sarebbero ben 6 provvedimenti da esaminare prima di poter votare la riforma degli ordini delle professioni sanitarie. Ce la farà a passare il Ddl Lorenzin?

13 DIC - Mentre il Senato si appresta al voto finale sul testamento biologico (atteso per domani), resta un clima di forte incertezza sul destino del Ddl Lorenzin sulla riforma degli Ordini delle professioni sanitarie e le sperimentazioni cliniche. A leggere i giornali di oggi la data più accreditata per le elezioni  sarebbe il 4 marzo con possibile scioglimento anticipato delle Camere prima di Capodanno. Se così fosse resterebbero pochi giorni di lavoro per l'Aula di Palazzo Madama.
 
A questo bisogna aggiungere che, stando all'attuale calendario dei lavori, prima del Ddl Lorenzin figurano la legge di Bilancio di ritorno dalla Camera, la riforma del regolamento del Senato, il Ddl sulla protezione testimoni di giustizia, il Ddl sulle modifiche al codice civile, al codice penale e al codice di procedura penale in favore di orfani di crimini domestici, il Ddl sulla prevenzione dell'estremismo violento jihadista e lo ius soli. Il Ddl Lorenzin è infatti citato all'ultimo posto nell'elenco.
 
Il pressing per un'inversione del calendario, da parte sia dei senatori della Commissione Sanità che dai professionisti direttamente interessati al provvedimento, non è di certo mancato in questi giorni. Ma, al momento, nulla è cambianto né pare siano previste imminenti modifiche.
 
Di certo questo non fa gioco al buon esito del provvedimento, su cui in molti avevano sperato dopo l'approvazione lampo in commissione. Eppure una modifica del calendario sarebbe possibile, dal momento che l'approvazione del disegno di legge nel testo già licenziato dalla Camera, seppur non scontata, sembrerebbe essere di certo meno complicata rispetto ad altri provvedimenti quali lo ius soli.
 
Ad ogni modo, i giorni passano ed al momento tutto tace. Ma non si escludono possibili sorprese dalla prossima riunione dei capigruppo.
 
Giovanni Rodriquez

13 dicembre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy