Quotidiano on line
di informazione sanitaria
15 DICEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Vaccini. Andriukaitis (Ue): “Italia ora è un esempio: se coperture non si raggiungono con volontarietà giusto mettere obbligo”

Il commissario uscente alla Salute Ue in un’intervista a Repubblica plaude alla Legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale: “Di fronte a buoni risultati in nazioni come l’Italia, questo approccio andrebbe riconosciuto da tutti come pratica utile, e adottato anche in altri stati membri”

19 NOV - “Quello italiano è un ottimo esempio, che andrebbe seguito anche da altri Paesi. Penso è che sia strano trovarci ancora a discutere in termini di alternative. Non è questione di vaccinazioni volontarie o obbligatorie, ma di come raggiungere un alto livello di copertura vaccinale per adulti e bambini. E dove non si riesce a farlo con un piano di vaccinazioni volontarie, l’unica possibilità è quella di renderle obbligatorie. Non dovrebbe essere un argomento controverso. Di fronte a buoni risultati in nazioni come l’Italia, questo approccio andrebbe riconosciuto da tutti come pratica utile, e adottato anche in altri stati membri”.
 
È quanto afferma il commissario uscente alla Salute Ue, Vytenis Andriukaitis in un’intervista a Repubblica ricordando come “quest’anno quattro paesi Ue hanno perso lo status di eliminazione del morbillo. È una situazione preoccupante, perché vediamo le posizioni anti-vax prendere piede in tutti i 28 stati membri dell’Unione. La situazione in Paesi diversi come la Romania, la Germania, la Gran Bretagna e l’Italia ci ricorda che dobbiamo essere molto attivi, e cercare di spiegare alle nostre società quali sono le conseguenze concrete delle posizioni anti-vax: oggi abbiamo 19mila casi di morbillo all’interno dell’Ue”

 
“Le posizioni anti-vax – spiega - d’altronde non dipendono dall’obbligo vaccinale. Lo si ritrova infatti in un paese come l’Olanda, dove le vaccinazioni sono su base volontaria, come in Romania, dove sono obbligatorie. Questo vuol dire che il "no ai vaccini" ha radici molto differenti, che dobbiamo imparare a comprendere per organizzare campagne informative che rispondano alle preoccupazioni delle persone, e le aiutino a prendere decisioni basate su dati scientifici, avendo ben chiaro cosa sia realmente la vaccinazione”.
 
Non solo vaccini però, Andriukaitis ha parlato anche di antibiotico resistenza. “Nell’Unione Europea abbiamo circa 33mila morti ogni anno causate da infezioni resistenti agli antibiotici. È un’emergenza sanitaria in Europa e nel mondo, e va presa molto seriamente. Nel 2017 la Commissione Europea ha adottato il piano di azione One Health, che ha l’obbiettivo di ridurre l’utilizzo di antibiotici in campo agricolo e per la salute umana. E che punta al contempo a monitorare l’ambiente, nelle aree urbane, vicino a grandi allevamenti e ai maggiori ospedali, perché anche la contaminazione ambientale da parte di sostanze antimicrobiche è uno dei fattori che spinge alla diffusione di superbatteri”.
 
“Abbiamo introdotto – specifica - nuove norme, che limitano l’utilizzo di antibiotici in campo umano e veterinario, e un sistema di sorveglianza molto rigoroso per monitorare da vicino la situazione. Ogni sei mesi le istituzioni sanitarie europee, Ecdc, Ema e Efsa, devono fornirci un rapporto che fotografa la situazione in tutti i 28 stati membri dell’Ue. Abbiamo quindi a disposizione il network One Health, composto da esperti di tutte le nazioni europee che seguono da vicino le iniziative prese dagli stati Ue per affrontare il problema, e le valutano in luce degli obbiettivi decisi in sede europea. Abbiamo anche proposto molti incentivi finanziari per la ricerca e lo sviluppo di nuove terapie e dispositivi diagnostici. Pensiamo che sia un piano di azione ambizioso e promettente, e ci auguriamo che l’esempio europeo venga presto seguito anche in molte altre regioni del pianeta”.
 
Per quanto riguarda i numeri il commissario uscente poi afferma: “A guardare bene i dati si può vedere una forte riduzione nell’utilizzo di antibiotici negli ultimi tre o quattro anni. E già questo è un risultato importante. Parlando di situazioni concrete, di focolai di batteri resistenti all’interno dei confini Ue, siamo costantemente a lavoro utilizzando i dati dell’Ecdc e dell’Efsa e Ema, e siamo pronti a reagire immediatamente quando accade qualcosa utilizzando il network One Health. Che ci siano nuovi casi è inevitabile, ma mi sento di dire che il trend degli ultimi anni è positivo”.

19 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy