Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 30 LUGLIO 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Speranza: “Senza vincere la battaglia sanitaria nessuna ripartenza economica”. E su riforma Titolo V: “Discussioni dopo, ora lavoriamo insieme a Regioni”


Il Ministro della Salute su Rainews chiarisce come ancora la fase dell’emergenza non è passata: “È una battaglia che è ancora nel suo pieno, non ci può essere alcun elemento di sottovalutazione. Va affrontato tutto con il massimo del rigore e della serietà”. E in ogni caso precisa: “Ci sarà bisogno di grande gradualità e prudenza nella ripartenza, ma la premessa è la vittoria della battaglia sanitaria che è in corso”.

04 APR - “Senza vincere la battaglia sanitaria non ci potrà essere una ripartenza economica. Queste due battaglie non vanno messe in contrapposizione: solo dopo aver vinto la battaglia sanitaria si potrà parlare di ripartenza economica”. A dirlo è il Ministro della Salute, Roberto Speranza su Rainews che dopo gli stop&go di ieri su possibile date per la cosiddetta Fase 2 spegne un po’ gli entusiasmi e ribadisce come la “battaglia è ancora nel suo pieno, non ci può essere alcun elemento di sottovalutazione. Va affrontato tutto con il massimo del rigore e della serietà. Certo, il tasso del contagio, R con zero, in questo momento è molto più basso di prima. Questo è un piccolissimo segnale che però ci dice che la strada del distanziamento sociale funziona ed è in questo momento l'unica arma di cui disponiamo. Il vaccino sarà l'arma definitiva, ma al momento non è disponibile”
 
In sostanza per arrivare ad un allentamento delle misure per Speranza ci “sarà bisogno di grande gradualità e prudenza nella ripartenza, ma la premessa è la vittoria della battaglia sanitaria che è in corso. La prima mattonella per la ripresa dell'Italia è la vittoria della partita sanitaria. Tutte le energie devono essere rivolte a vincere la battaglia sanitaria, una volta vinta questa avremo creato le condizioni per la ripartenza economica e sociale”.

 
“So che abbiamo chiesto sacrifici – ha detto il Ministro - ma dobbiamo insistere su questa strada, l'unica che al momento dà certezze. Gli atteggiamenti sbagliati o immaginare che la battaglia sia già vinta rischiano di compromettere i tanti sacrifici fatti finora. Non bastano i decreti, questa battaglia si vince esclusivamente con il contributo di ogni cittadino”.
 
Speranza è tornato anche sul tema della centralizzazione della sanità dopo l’uscita del vicesegretario del Pd, Andrea Orlando e il Ddl del M5S in cui si rilancia la riforma del Titolo V (ricordiamo affossata dai cittadini nel referendum costituzionale del 2016 ndr.).
 
“L'impianto che abbiamo dà poteri alle regioni e un potere centrale allo Stato – ha ricordato il Ministro - . Le discussioni costituzionali potremo farle dopo, oggi è il momento di lavorare insieme, in piena sinergia con le regioni, senza alcuna polemica. Le polemiche non hanno senso. Il dibattito tra Stato e Regioni lo faremo con tutta serenità in una fase diversa, ora è la fase dell'emergenza”.

04 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy