Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 GIUGNO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Oms Europa: “La metà dei decessi si è verificata nelle strutture per anziani. Una tragedia umana inimmaginabile”


Il Dg Kluge evidenzia come “in tutta la regione europea, l'assistenza a lungo termine è stata spesso notoriamente trascurata”. E per questo rilancia l’esigenza di investire in questo comparto per creare “sistemi integrati di assistenza a lungo termine incentrati sulla persona in ciascun paese”.

23 APR - “Secondo le stime nei paesi della regione europea, la metà di coloro che sono morti per COVID-19 erano residenti in strutture di assistenza a lungo termine. Questa è una tragedia umana inimmaginabile”. È quanto ha dichiarato oggi Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa in un punto stampa sull’emergenza.
 
“Questa pandemia – ha precisato - ha acceso i riflettori sugli angoli trascurati e sottovalutati della nostra società. In tutta la regione europea, l'assistenza a lungo termine è stata spesso notoriamente trascurata. Ma non dovrebbe essere così. Guardando al futuro, passando a una nuova normalità, abbiamo un chiaro caso di investimento per la creazione di sistemi integrati di assistenza a lungo termine incentrati sulla persona in ciascun paese”.
 
Per Kluge “vi è una necessità immediata e urgente di ripensare e modificare il modo in cui le strutture di assistenza a lungo termine operano oggi e nei mesi a venire. Ciò significa trovare un equilibrio tra le esigenze dei residenti e delle loro famiglie e garantire che i servizi siano gestiti in sicurezza e che il personale sia protetto e ben supportato”.
 
Occorre quindi per il Dg dell’Oms Europa “stabilire piani globali per prevenire e controllare le infezioni, dare priorità ai test di eventuali casi sospetti tra i residenti e il personale delle strutture di assistenza a lungo termine e fornire DPI, formazione e forniture e attrezzature mediche essenziali per la cura delle case”.
 
Il Dg ha raccomandato poi di “isolare tutti i casi, istituire reparti o spazi separati per i residenti con COVID-19 anche prima che si verifichino i primi casi e assicurarsi che i residenti possano essere indirizzati e dimessi in modo sicuro dall'ospedale”.
 
Infine un appello anche ai governi. “Da ora in poi, i sistemi di assistenza a lungo termine dovranno essere dotati di risorse, forti e sostenibili che privilegiano i bisogni e la dignità delle persone. È necessario l'impegno dei più alti livelli di governo, in ogni sezione della nostra società. Il coordinamento e la continuità tra i servizi sanitari e sociali, nonché attraverso i sistemi di informazione, devono essere rafforzati. Dobbiamo riunire medici, infermieri, farmacisti, operatori sanitari sociali e di altro tipo, operatori sanitari e, soprattutto, residenti nelle case di cura, nel processo decisionale e nella fornitura di assistenza”.

23 aprile 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy