Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 LUGLIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Stabile (Fi): “Uso sbagliato delle mascherine potrebbe essere più dannoso del loro beneficio”. Interrogazione a Speranza


"Sono dell' avviso che il principio di precauzione andrebbe invocato sul non uso sistematico delle mascherine all’aperto perché gli effetti avversi del loro utilizzo indiscriminato potrebbero essere maggiori dei loro benefici. Credo che l'unica misura valida di contrasto al contagio, specie nei luoghi all’aperto, resti il rispetto della distanza di sicurezza insieme all’igiene". Così la senatrice preannunciando la presentazione di un’interrogazione al Ministro Speranza.

22 MAG - "La più recente e accreditata letteratura scientifica non consiglia l'uso obbligatorio delle mascherine perché non solo non è comprovata l'efficacia per ridurre le probabilità di contagio, ma è anche dannoso per una serie di motivi: perché offre un falso senso di sicurezza, si presta ad un uso inappropriato o errato, e inoltre respirare con la mascherina è più faticoso e richiede più lavoro per i muscoli respiratori (tant'è che è intollerabile per chi ha talune malattie ai polmoni)".
 
Così la senatrice di Forza Italia, Laura Stabile, preannunciando la presentazione di un’interrogazione al Ministro della Salute "perchè ritengo che debba chiarire questi fondamentali aspetti ai cittadini".

"Sono dell' avviso che il principio di precauzione andrebbe invocato sul non uso sistematico delle mascherine all’aperto perché gli effetti avversi del loro utilizzo indiscriminato potrebbero essere maggiori dei loro benefici. Credo che l'unica misura valida di contrasto al contagio, specie nei luoghi all’aperto, resti il rispetto della distanza di sicurezza insieme all’igiene. L’uso delle mascherine può avere qualche plausibilità di efficacia all’interno di negozi, nei trasporti pubblici o in luoghi affollati, quando non è sempre possibile mantenere le distanze di sicurezza", spiega la sentrice azzurra.

 
"E infatti nella maggior parte dei paesi europei la mascherina è raccomandata solo in questi ambiti. Sottolineo: raccomandata, senza gli eccessi repressivi adottati nel nostro paese, che reputo intollerabili.  Sono purtroppo facili da prevedere gli effetti disastrosi sul turismo, e quindi sull’economia, perché gli stranieri difficilmente saranno desiderosi di trascorrere le vacanze nell’unico paese europeo dove vigono tali assurdi obblighi,inutili e dannosi per il benessere della persona. Ma non sembrano trascurabili neppure gli effetti economici a carico delle famiglie per l'acquisto del presidio", conclude Stabile.

22 maggio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy