Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 22 GIUGNO 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Accordo tra Parlamento europeo e Consiglio Ue su certificato digitale per viaggiare in Europa senza restrizioni


Il certificato sarà disponibile in formato digitale o cartaceo. Attesterà che una persona è stata vaccinata contro il coronavirus o è risultata negativa ad un test o si è ripresa dall'infezione. In pratica, si tratterà di tre certificati distinti. Un quadro comune dell'UE consentirà agli Stati membri di emettere certificati che saranno poi accettati in altri paesi dell'UE. Ma per la decisione finale bisognerà aspettare altri passaggi che si completeranno probabilmente entro metà giugno.

20 MAG - I negoziatori del Parlamento europeo e del Consiglio hanno raggiunto oggi un accordo provvisorio per un certificato digitale Covid dell'UE per facilitare la libera circolazione in Europa durante la pandemia.

Il certificato sarà disponibile in formato digitale o cartaceo. Attesterà che una persona è stata vaccinata contro il coronavirus o è risultata negativa ad un test o si è ripresa dall'infezione. In pratica, si tratterà di tre certificati distinti. Un quadro comune dell'UE consentirà agli Stati membri di emettere certificati che saranno poi accettati in altri paesi dell'UE.
 
Il regolamento del certificato digitale Covid dell'UE dovrebbe essere in vigore per 12 mesi. Il certificato non costituirà una precondizione per esercitare il diritto alla libera circolazione e non sarà considerato documento di viaggio.
 
Sostegno al bilancio per test economici e accessibili
Per rendere i "test accessibili e accessibili" più ampiamente disponibili, la Commissione europea si è impegnata a mobilitare "almeno 100 milioni di euro" nell'ambito dello strumento di sostegno alle emergenze per l'acquisto di test per l'infezione da SARS-CoV-2 allo scopo di rilasciare il certificato. Ciò dovrebbe giovare in particolare alle persone che attraversano i confini quotidianamente o frequentemente per andare al lavoro o a scuola, visitare parenti stretti, cure mediche o prendersi cura dei propri cari.

I negoziatori hanno convenuto che, se necessario, dovrebbero essere mobilitati finanziamenti aggiuntivi superiori a 100 milioni di euro, previa approvazione delle autorità di bilancio.
 
Ulteriori restrizioni di viaggio solo se debitamente giustificate
Gli Stati membri non dovrebbero imporre ulteriori restrizioni di viaggio in risposta alla pandemia COVID-19, come quarantena, autoisolamento o test, "a meno che non siano necessari e proporzionati per salvaguardare la salute pubblica". Le prove scientifiche disponibili, "compresi i dati epidemiologici pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)" dovrebbero essere prese in considerazione. Tali misure dovrebbero essere notificate agli altri Stati membri e alla Commissione al più tardi con 48 ore di anticipo.
 
Vaccini
Gli Stati membri devono accettare certificati di vaccinazione rilasciati in altri Stati membri per le persone inoculate con un vaccino autorizzato per l'uso nell'UE dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA) (attualmente Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Janssen). Spetterà agli Stati membri decidere se accettare anche certificati di vaccinazione da altri Stati membri seguendo le procedure nazionali di autorizzazione di emergenza per i vaccini elencati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per uso di emergenza.
 
Garanzie per la protezione dei dati
I certificati saranno verificati per prevenire frodi e falsificazioni, così come l'autenticità dei sigilli elettronici inclusi nel documento. I dati personali ottenuti dai certificati non possono essere archiviati negli Stati membri di destinazione e non sarà istituita una banca dati centrale a livello dell'UE. L'elenco delle entità che elaboreranno e riceveranno i dati sarà pubblico in modo che i cittadini possano esercitare i loro diritti di protezione dei dati ai sensi del regolamento generale sulla protezione dei dati.
 
Prossimi passi
Il testo concordato sarà ora sottoposto alla commissione per le libertà civili il 26 maggio e quindi in plenaria per l'approvazione nonché al Consiglio. Se confermato dalla commissione, sarà presentato per l'adozione in plenaria durante la sessione plenaria di giugno (7-10 giugno 2021).
 

20 maggio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy