Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 DICEMBRE 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

VI Conferenza nazionale sulle droghe. Al via sabato 27 novembre a Genova.Le richieste di FederSerD


FeDerSerD: “Più risorse per il personale, integrazione con la nuova sanità territoriale e potenziare gli interventi, i programmi, le politiche di riduzione del danno assunti come patrimonio comune del sistema di intervento delle dipendenze”

25 NOV - “Favorire l’incremento di almeno il 35% delle risorse di personale di tutte le  professionalità e l’adeguamento delle strutture dei SerD (come previsto dal piano Colao e ora possibile con il PNRR). Integrare il ruolo centrale delle strutture delle dipendenze nella nuova sanità territoriale. E ancora, confermare la scelta della forma organizzativa del Dipartimento delle Dipendenze, istituire la disciplina di «clinica delle dipendenze» e di una specialità universitaria in «clinica delle dipendenze, riconoscere alle strutture del privato sociale un ruolo essenziale nel sistema di intervento e potenziare gli interventi, i  programmi, le politiche di riduzione del danno assunti come patrimonio comune del sistema di intervento delle dipendenze”.
 
Il Presidente Nazionale Guido Faillace ribadisce i punti fondamentali per l’impegno di FeDerSerD – la Federazione degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze, dettati dalla pratica quotidiana dei Servizi delle Dipendenze e condivisi dalla stragrande maggioranza degli operatori del settore, che saranno proposti al Governo a Genova.

 
“Questi punti derivano dai cambiamenti nel mondo delle dipendenze e dalle necessità di azione che ne derivano”, sottolinea facendo alcuni esempi:
- Esigibilità da parte dei cittadini delle prestazioni previste dai nuovi LEA approvati nel 2017 (tra cui Il Gioco d’Azzardo Patologico e la Riduzione del Danno).
 
- Attività di prevenzione e presa in carico precoce dei giovani consumatori a seguito dell’aumento notevole della diffusione delle dipendenze e dei consumi incongrui.
 
- Sviluppo di interventi specialistici multidisciplinari per contrastare la diffusione di nuove droghe psicoattive e farmaci di potenziale abuso e dipendenza.
 
- Potenziamento del ruolo dei SerD nell’ambito della sanità pubblica per ridurre gli effetti delle conseguenze sanitarie e sociali dei consumi, delle overdosi e del contagio e della diffusione delle malattie infettive (compresa l’eradicazione dell’HCV).
 
- Realizzazione di programmi terapeutici riabilitativi individuali che prevedono la presa in carico della persona con le corrette integrazioni sanitarie, socio sanitarie e sociali.
 
- Costruzione di un sistema di intervento inclusivo di tutte le dipendenze patologiche, sia da droghe legali che illegali e dei comportamenti dannosi o «additivi».
 
 
 
- Sviluppo di servizi e di interventi di prossimità, come favoriti dalla esperienza pandemica, per lo sviluppo degli interventi precoci e facilmente dalla popolazione.
 
“Prendiamo ad esempio continua il Presidente Faillace - lo sviluppo del territorio che la pandemia Covid-19 ha accelerato impone filiere organizzative snelle e integrate a rete. I nuovi modelli di sanità territoriale devono poter permettere ai SerD di sviluppare nuove linee operative con una regia dipartimentale idonea e in linea con una programmazione territoriale anche con il concorso del privato sociale. I SerD nel ruolo di Sanità pubblica entrano in rete con la infettivologia, la medicina generale, la salute mentale e la rete ospedaliera. Il modello autonomo denominato ai sensi della Intesa Stato Regioni del 1999 Dipartimento delle Dipendenze appare il migliore e auspicabile”.
 
“Gli esponenti di FeDerSerD presenti nei Tavoli preparatori della Conferenza hanno proposto analisi e soluzioni, e chiedono il dovuto aggiornamento delle Intese Stato Regioni e in primis le modifiche al TU 309/90 sui punti esaminati. Questa Conferenza è per noi l’inizio di un lavoro in gruppi dedicati finalizzato a declinare la nuova 309 e il Piano di azione nazionale. Il nostro impegno è quello di presidiare le tappe successive di lavoro  in un raccordo continuo con gli operatori” sono i pensieri conclusivi di Guido Faillace a nome di FeDerSerD in attesa dell’apertura dei lavori.

25 novembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy