Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 08 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Enpam. Corte dei conti: “Ok bilanci 2018-2020 ma la spesa per il personale è troppo alta”


È quanto osserva la magistratura contabile nella sua relazione sulla gestione 2018-2020 dell’Ente previdenziale dei medici. Positive le proiezioni del saldo previdenziale fino al 2069. I contributi eccedono la spesa per pensioni; tuttavia, il rapporto fra le due grandezze manifesta una generale tendenza al peggioramento, passando – in termini complessivi - da 1,74 del 2017 a 1,58 del 2020. IL DOCUMENTO

20 APR -

Bilanci in ordine ma attenzione alla spesa per il personale. È quanto emerge dalla relazione della Corte dei conti sulla gestione 2018-2020 dell’Ente nazionale di previdenza ed assistenza medici e odontoiatri (ENPAM), oggi fondazione vigilata dai Ministeri del Lavoro e dell’Economia.

La sintesi
Il costo complessivo per gli organi, nel corso del triennio in esame, registra un trend in costante diminuzione, con un andamento in calo vicino al 5 per cento per ogni esercizio. Il relativo valore per il 2020 è pari a euro 3.318.761, a fronte di euro 3.895.961 del 2017.

I costi e gli oneri relativi al trattamento economico del personale ammontano complessivamente nel 2020 a 39,82 milioni, in lieve diminuzione rispetto all’esercizio precedente, ma più elevati del 6,71 per cento rispetto al 2017 e del 6,62 per cento sul 2018. L’andamento in costante crescita nel triennio in esame è da attribuire all’effetto del nuovo contratto collettivo di lavoro, del pagamento dei relativi arretrati, nonché, in qualche misura, del costante incremento del personale: da ultimo, nel 2020, l’Ente ha effettuato 44 assunzioni di personale, a fronte di 36 cessazioni.

Anche in considerazione delle censure a più riprese mosse in proposito dai Ministeri vigilanti e dei rilievi avanzati dal Collegio dei revisori, la Sezione ritiene che l’Ente non possa esimersi dall’osservare comportamenti coerenti con l’orientamento restrittivo previsto, con riferimento alla generalità delle amministrazioni pubbliche, dalla vigente normativa in materia di contenimento della spesa, in particolare, per quanto riguarda gli oneri per il personale. Il risultato di esercizio (euro 1.164.767.173 nel 2017) cresce progressivamente nel 2018 e nel 2019, per poi diminuire nel 2020, attestandosi a 1.222 milioni (-29,75 per cento).

Il patrimonio netto risulta in aumento nel triennio, superando i 24 miliardi a fine 2020: tale valore eccede abbondantemente il limite delle cinque annualità delle pensioni in essere nel 1994, stabilito dall’art. 59, co. 20, della legge n. 449 del 1997. Allo stesso modo, il valore del patrimonio netto supera anche il limite di cinque volte l’onere per pensioni in essere alla data del 31 dicembre 2020, ritenuto congruo dall’art. 5, co. 1, del d.m. 29 novembre 2007.

I debiti risultano in progressivo incremento negli esercizi in esame: in particolare a fine 2020, essi crescono del 14,17 per cento rispetto al 2017, attestandosi a 212,26 milioni. È da rilevare, tuttavia, come tale ammontare - dovuto principalmente all’incremento dei debiti tributari e di quelli verso le banche e gli iscritti - trovi piena copertura anche solo prendendo a riferimento le disponibilità liquide. Per ciascuno dei fondi gestiti dall’Ente, i contributi eccedono la spesa per pensioni; tuttavia, il rapporto fra le due grandezze manifesta una generale tendenza al peggioramento, passando – in termini complessivi - da 1,74 del 2017 a 1,58 del 2020.

Anche il rapporto fra il numero degli iscritti complessivi e quello delle pensioni erogate risulta in continua flessione, attestandosi nel 2020 su un valore di 2,64 (era pari a 3.01 nel 2017). Tale andamento si riscontra per ciascuno dei Fondi. Fra il 2001 e il 2009 la Fondazione si era esposta fortemente sul mercato dei titoli strutturati, per un importo che superava i 3 miliardi di euro. Da allora, in assenza di acquisti ulteriori, per effetto di cessioni e rimborsi, quella esposizione si è gradualmente ridotta, fino ai 65 milioni di euro a fine 2020 (nel 2017 ammontava a 176 milioni), relativi ad una obbligazione avente scadenza luglio 2021, pertanto riclassificata nell’esercizio 2020 nell’attivo circolante (determinando la diminuzione citata dell’importo della voce “altri titoli”).

Nel corso dell’anno 2019, l’Enpam ha predisposto il nuovo bilancio tecnico, redatto alla data del 31 dicembre 2017 e con proiezioni 2018-2067, nel quale risulta un saldo previdenziale complessivo con valori negativi nell’arco temporale 2027-2040, valori che, successivamente, tornano positivi fino a fine periodo. Il saldo totale si mantiene sempre positivo, sia pur con un andamento altalenante, ed il patrimonio complessivo risulta costantemente in crescita. L’esito delle proiezioni induce, peraltro, ritenendosi opportuno il tendenziale mantenimento di una situazione di equilibrio su tutte le gestioni che interessano l’Ente, a raccomandare l’attento monitoraggio degli eventuali scostamenti tra le ipotesi adottate nei calcoli attuariali e gli effettivi andamenti, che consentirà di adottare tempestivamente gli ulteriori interventi, rispetto alle recenti riforme regolamentari, che si riterranno opportuni al fine della conservazione dell’equilibrio di medio e lungo termine.

Quanto al sistema delle partecipazioni, la Fondazione è azionista al 100 per cento della Enpam Real Estate s.r.l., costituita nel 2003, originariamente, per gestire in usufrutto alcune proprietà alberghiere della Fondazione medesima e successivamente, con attività più ampia, nella gestione dei servizi immobiliari. La società presenta una notevole variabilità dei risultati di esercizio, rilevando, dopo gli utili decrescenti del 2016 e del 2017, una perdita in significativo aumento nel triennio in esame (dai 663 mila euro del 2018 ai 7,91 milioni del 2020).

Nel corso dell’esercizio 2019, l’Ente ha costituito una fondazione denominata “Enpam 5x1000 - Ets” onlus, con lo scopo di ottenere – tramite lo strumento della destinazione del 5 per mille dell’Irpef – fondi da utilizzare per l’assistenza degli iscritti pensionati non autosufficienti e dei loro coniugi. Stanti i rilievi circa le modalità e gli obiettivi di tale iniziativa formulati dai Ministeri vigilanti, l’operatività della nuova Fondazione è stata bloccata fino al 2019. L’iniziativa risulta attualmente attiva e la nuova fondazione registrata all’anagrafe delle onlus a partire dall’aprile 2020.

Nel luglio 2016, è stata posta in liquidazione la società controllata Enpam Sicura s.r.l., costituita nel 2015 per esercitare, tra l’altro, attività di assistenza sanitaria integrativa a favore degli iscritti. La partecipazione è stata totalmente svalutata, con un onere imputato a conto economico di 1,6 milioni di euro. La Fondazione ha avviato un’azione risarcitoria in sede civile nei confronti dell’ex Presidente della Società stessa, sostenendo costi per onorari per 217 mila euro sul bilancio 2019 e per 294 mila euro su quello 2020. Nelle more del procedimento, il Consiglio di amministrazione nella seduta del 27 maggio 2021, ha valutato positivamente una proposta di definizione transattiva della controversia, sottoscritta tra le parti il successivo 21 luglio.



20 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy