Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Anatomo patologi: “In 5 anni calo degli specialisti del 25%. Entro un anno 20% laboratori digitalizzato”


E la metà dei posti di specializzazione universitaria rimane vacante. La denuncia della Presidente della Società Italiana di Anatomia Patologica e Citopatologia Diagnostica Anna Sapino in occasione del prossimo congresso nazionale: “Dobbiamo invertire la tendenza per garantire un servizio sempre più indispensabile”. Dei Tos: “In oncologia (ma non solo) garantiamo una migliore pianificazione e selezione delle terapie”.

12 OTT -

Gli anatomo-patologici sono sempre più importanti nella gestione di gravi e diffuse malattie ma rischiano di ridursi fortemente come categoria. In cinque anni, infatti, il numero di questi professionisti è calato dell’oltre 25% passando in Italia da 1.500 a 1.100 specialisti e le prospettive per il futuro non sono rosee. A livello universitario, negli ultimi anni, la metà dei posti di specializzazione è rimasto vacante. Una crisi che rientra in quella più generale della medicina italiana, ma che pare colpire pesantemente alcune branche specialistiche come l’anatomia patologia.

L’allarme viene lanciato oggi in occasione della prima giornata del 9° Congresso Triennale della SIAPeC-IAP (Società Italiana di Anatomia Patologica e Citopatologia Diagnostica). L’evento vede riuniti nei prossimi quattro giorni a Padova oltre 600 specialisti da tutta Italia. “L’anatomia patologica rappresenta ormai la pietra angolare di qualunque percorso diagnostico-terapeutico – sottolinea Anna Sapino, Presidente SIAPeC-IAP -. Il caso più evidente di questa evoluzione è senza dubbio l’oncologia dove il patologo da molti anni è presente e parte attiva dei team multidisciplinari. Possiamo garantire una migliore pianificazione e selezione terapeutica perché la diagnostica molecolare applicata all’anatomia patologica rappresenta il cardine per la realizzazione della medicina di precisione".

"Quest’ultima è ormai una realtà nel contrasto a diverse forme di tumore e vede il passaggio verso la “personalizzazione” dei trattamenti in base alle caratteristiche biologiche e molecolari della singola neoplasia. L’utilizzo dell’intelligenza artificiale e il ricorso alla così detta “Patologia Digitale” sono due chiari esempi di un ulteriore passo verso la personalizzazione dei percorsi terapeutici. Gli Anatomo-Patologi hanno un ruolo imprescindibile e inderogabile e perciò è necessario garantire personale formato e competente. Quest’anno abbiamo attivato una stretta collaborazione con il Ministero della Salute per definire i dataset nazionali di diagnosi che potranno entrare nel Fascicolo Sanitario Elettronico. Questo implica un passaggio fondamentale verso la digitalizzazione delle strutture di anatomia patologica in modo uniforme”.

“Sarà possibile postare le diagnosi di anatomia patologica direttamente sul Fascicolo Sanitario Elettronico del singolo paziente – aggiunge Filippo Fraggetta, Presidente Eletto SIAPeC-IAP -. Attualmente i laboratori di anatomia patologica completamente digitali in Italia si contano sulle dita di una mano.  Entro un anno però auspichiamo che almeno il 20% di queste strutture sanitarie possano diventare completamente digitali. Ciò significa che avremo un flusso di dati totalmente tracciato con opportunità di utilizzare vetrini “virtuali”. Una digitalizzazione resa possibile grazie ad alcuni fondi ad hoc previsti dal PNRR insieme ad altre risorse finanziare erogate dalle Regioni”.

“Come SIAPEC siamo convinti delle potenzialità della anatomia patologica 4.0 e la stiamo promuovendo in tutto il territorio nazionale – prosegue Sapino -. La digitalizzazione dei nostri laboratori deve essere pianificata e per farla è disponibile un apposito documento della ESDIP (European Society for Digital and Integrative Pathology). Descrive in che modo le anatomie patologiche devono organizzare il flusso digitale dei dati e quali sono le sicurezze da garantire al paziente, anche in termini di privacy. Inoltre, un anno fa abbiamo prodotto insieme all’Istituto Superiore di Sanità un documento per stabilire i requisiti minimi standard che deve avere un laboratorio digitale”.

“Non bisogna però eccedere con i facili trionfalismi – aggiunge Angelo Paolo Dei Tos, Presidente del Comitato Organizzatore del Congresso di Padova -. Le tecnologie digitali presentano grandi potenzialità ma il computer non può l’unica soluzione alle criticità emergenti. Esiste una “crisi di vocazione” della nostra disciplina a cui è urgente dare risposte efficaci. Riscontriamo forti discrepanze nei vari territori legate a carenze di risorse umane e tecnologiche che devono essere colmate. Anche lo sfruttamento della digitalizzazione dell’anatomia patologica richiederà risorse umane necessarie a garantire il funzionamento delle reti”. “E’ evidente che dobbiamo rivedere in parte anche la tipologia d’insegnamento che attualmente offriamo – sottolinea la Presidente Sapino -. La carenza di personale rischia di essere un problema sempre più drammatico e per contrastarlo bisogna meglio promuovere la nostra disciplina, sfruttando anche il fascino che l’evoluzione tecnologica in atto può avere tra i giovani studenti”.

La SIAPeC è nata nel 1995 e si pone l’obiettivo principale di promuovere l’avanzamento delle conoscenze e lo sviluppo delle tecnologie diagnostiche nel campo dell’anatomia e istologia patologica e di citologia diagnostica. Vanta al proprio interno 22 diversi gruppi di studio e i suoi rappresentati partecipano regolarmente alla stesura di Linee Guida.

“Siamo impegnati e in costante dialogo con altre Società scientifiche e con gli organismi di programmazione sanitaria nazionali e regionali – conclude Fraggetta -. Il nostro impegno nei prossimi anni dovrà però essere rivolto anche alle associazioni di pazienti e di volontariato con le quali già collaboriamo. Vogliamo presentarci ai cittadini attraverso apposite campagne di informazione per far conoscere a tutti la nostra disciplina e le incredibili potenzialità che possiede”.



12 ottobre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy