Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 FEBBRAIO 2023
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ecm. Sciretti (Opi Torino): “Importante sensibilizzare i professionisti. A rischio copertura assicurativa”


A poche settimane dalla scadenza del triennio formativo Ecm, obbligatorio per i professionisti sanitari, la preoccupazione principale per il presidente  dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Torino è quella della copertura assicurativa: “Bisogna evitare sanzioni di natura amministrativa”.

07 DIC -

Sensibilizzare i professionisti sull’importanza dell’aggiornamento delle conoscenze e delle competenze, non solo per migliorare le proprie prestazioni ma anche per fornire un buon servizio ai cittadini. È questo l’obiettivo dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Torino, presieduto da Massimiliano Sciretti. A poche settimane dalla scadenza del triennio formativo ECM, obbligatorio per i professionisti sanitari, la preoccupazione principale è quella della copertura assicurativa: “Bisogna evitare sanzioni di natura amministrativa”.

Presidente Sciretti, il tema della Formazione è centrale soprattutto in queste settimane che conducono verso la scadenza del triennio ECM. C'è stato anche un forte richiamo verso gli iscritti da parte del Cogeaps, della Federazione e di voi Presidenti di Ordine. Facciamo intanto lo screening riguardo al suo ordine: com'è la situazione e, soprattutto, in che modo sta sollecitando gli iscritti ad adempiere all'obbligo e non rischiare le sanzioni annunciate?
Il tema della formazione, e quindi il tema delle competenze, è di importanza assolutamente fondamentale. La situazione locale è speculare a quella nazionale: abbiamo circa un 70% di colleghi certificabili. Per quanto riguarda quel che stiamo facendo, stiamo agendo attraverso un richiamo e l’offerta formativa che mette a disposizione non solo l’Ordine di Torino, ma anche la Federazione nazionale e tutti i referenti ECM che lavorano con essa. Queste sono le iniziative che stiamo mettendo in campo per coinvolgere i colleghi e per evitare il rischio sanzioni. In particolare, quello legato alla Legge Gelli-Bianco. Il tema assicurativo diventa fondamentale nell’esercizio della professione e quindi bisogna evitare sanzioni anche di natura amministrativa.

Fa riferimento al rischio di non trovare copertura assicurativa se non si è in regola con almeno il 70% dei crediti formativi richiesti in un triennio…

Esatto. Questo è un messaggio che stiamo dando forte. Crediamo però sia importante sensibilizzare il professionista, soprattutto in un’ottica culturale, sull’importanza di acquisire conoscenze e competenze per la pratica professionale quotidiana, che è poi quel che ci viene chiesto dai cittadini. È per questo che nascono gli Ordini: per la tutela del cittadino e la valorizzazione dei professionisti.



07 dicembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy