Quotidiano on line
di informazione sanitaria
14 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Sciopero ortopedici del 1° luglio. La solidarietà dell’Anaao


Riconoscimento della responsabilità delle strutture nel risarcimento del danno e stabilizzazione dei precari, alla base della protesta del 1 luglio della categoria, sono giudicati dall’Anaao “obiettivi irrinunciabili” per tutti i medici. Confermato lo stato di agitazione e lo sciopero entro luglio per tutta la dirigenza del Ssn.

27 GIU - "L’Anaao Assomed esprime piena e convinta solidarietà allo sciopero proclamato dai Colleghi ortopedici della Nuova Ascoti per il prossimo 1 luglio. La definizione dell'atto medico nella legislazione italiana, il riconoscimento della responsabilità delle strutture sanitarie nel risarcimento del danno, come chiaramente statuito dall’art. 28 della Costituzione, la predisposizione di un piano per la stabilizzazione del personale precario rappresentano obiettivi irrinunciabili per tutta la categoria medica".
 
Così una nota del sindacato che sottolinea come, l’Italia, insieme al Messico e alla Polonia, è tra i pochi Paesi al mondo in cui l’atto medico non ha uno specifico inquadramento giuridico ed il contenzioso medico-legale con eccessiva ed interessata frequenza si instrada verso la via penale piuttosto che essere prevenuto mediante un sistema di indennizzo, come avviene nei Paesi che godono di una civiltà giuridica avanzata.
 
Il medico – prosegue la nota - è lasciato sempre più solo alle prese con cittadini arrabbiati, aziende inefficienti che non lo tutelano nei procedimenti e magistrati che gli negano ciò che rivendicano per se stessi: il diritto di “giudicare in serenità” corrisponde al diritto di “curare in serenità”.
 
Su questi ed altri temi – ricorda ancora l’Anaao - le Organizzazioni Sindacali rappresentative dei Medici, dei Veterinari, dei Dirigenti sanitari ed amministrativi dipendenti del SSN hanno proclamato lo stato di agitazione e indetto forme di protesta fino allo sciopero nazionale nel mese di luglio.
 
Tutti insieme - conclude la nota - rivendichiamo interventi chiari e risolutivi non più eludibili da parte del Governo e del Parlamento, pena il depauperamento professionale dell’intero sistema sanitario per l’elevato rischio di procedimenti in ambito penale e civilistico e l’assenza di adeguate coperture assicurative.

27 giugno 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy