Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 28 GIUGNO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Previdenza. Enpaf. Corte dei conti promuove l’Ente dei farmacisti. Nel 2014 utile di 149 mln


La Corte evidenzia come il risultato è dato dal “miglior andamento della gestione caratteristica, con un incremento dei ricavi (+2,263 milioni) e una diminuzione dei costi (-2,963 milioni)”. Patrimonio arrivato 1,9 miliardi. Ok la sostenibilità nel medio e lungo periodo. LA RELAZIONE

29 LUG - Anche per il 2014 i risultati della gestione dell’Enpaf non evidenziano profili di criticità ed anzi mostrano saldi in miglioramento sul precedente esercizio. Il 2014 chiude, infatti, con un utile di 149,614 milioni, in incremento sul precedente esercizio per 16,588 milioni. È quanto rileva la Corte dei conti nella sua Relazione sul bilancio dell’Ente previdenziale dei farmacisti. Per la Corte il risultato è dato dal “miglior andamento della gestione caratteristica, con un incremento dei ricavi (+2,263 milioni) e una diminuzione dei costi (-2,963 milioni). Flette, da un lato, infatti, la spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali per 2,865 milioni (in controtendenza rispetto all’andamento degli ultimi quattro anni), mentre il gettito complessivo dei contributi aumenta di 2,686 milioni.
 
Importanti, nei risultati positivi del saldo previdenziale sono le entrate da contributo dello 0,90, il cui gettito (pari a 90,983 milioni nel 2014, contro i 92,815 milioni nel 2013) è, peraltro, in continua diminuzione dal 2010. La Corte rileva anche come “al positivo andamento del risultato di esercizio contribuisce anche il saldo tra proventi ed oneri finanziari, che si attesta nel 2014 su 62,105 milioni, in incremento sul 2013 per oltre 19 milioni. Vi contribuiscono dividendi e proventi da fondo immobiliare per 10,600 milioni (4,476 nel 2013), nonché altri proventi finanziari – tra cui interessi bancari e plusvalenze da cessione titoli – per 21,737 milioni (16,839 milioni nel 2013)”.
 
Il valore del patrimonio netto è pari, a fine 2014, a 1.947,457 (1.797,843 milioni nel 2013) e supera ampiamente, con un indice di copertura pari a 12,19 annualità, il limite delle cinque annualità delle pensioni correnti, stabilito con il decreto interministeriale del 29 novembre 2007.
 
Per quanto attiene alla consistenza del patrimonio immobiliare, esso registra tra il 2013 e il 2014 una diminuzione (ai valori di bilancio) di 1,140 milioni, da riferire al saldo tra gli ammortamenti e le acquisizioni di esercizio. Rispetto al 2013, aumenta di 200,8 milioni la consistenza del portafoglio titoli mobiliari e si attesta sulla cifra di 1.217,7 milioni per effetto dell’incremento sia di quelli immobilizzati, sia di quelli iscritti nell’attivo circolante. I ricavi (al lordo degli oneri) derivanti dagli investimenti mobiliari sono pari nel 2014 a 56,3 milioni, con un decremento di 11 milioni circa sul 2013. I rendimenti medi netti della gestione mobiliare e immobiliare dell’Enpaf sono stati nel 2014 pari a 52,411 milioni. Pur sempre di importo rilevante, diminuiscono, a fine esercizio, le disponibilità liquide dell’ente che passano dai 593,906 milioni del 2013 ai 535,424 milioni del 2014.
 
Riguardo alla gestione caratteristica la Corte evidenza poi che:  il numero degli iscritti si incrementa di 1.844 unità (con un tasso di aumento del 2,09 per cento sul 2013), dei quali un numero sempre più elevato (17.697 contro i 15.295 del 2013) è costituito da coloro che hanno optato per il contributo di solidarietà. Il rapporto tra numero degli iscritti (al netto dei versanti il contributo di solidarietà) e quello dei trattamenti pensionistici erogati è risultato pari al 2,68 (2,65 nel 2013); aumenta, come già detto, tra il 2013 e il 2014, di 5,551 milioni circa, il saldo di detta gestione (differenza tra il totale delle entrate contributive e quello degli oneri per le prestazioni previdenziali e assistenziali).
 
Continua a rivestire consistenza la massa dei crediti della fondazione verso iscritti e terzi contribuenti, che nel 2014 si attesta su 57,771 milioni (53,248 nel 2013), di cui 20,655 milioni (25,237 milioni nel 2013) afferenti al debito delle Asl per il contributo dello 0,90.
 
I crediti per contributi ordinari raggiungono nel 2014 i 34,930 milioni (26,084 nel 2013), rappresentati per oltre 20 milioni da crediti pregressi, sicché si torna a ribadire l’esigenza – sottolineata anche dal collegio dei sindaci – che l’ente ponga in essere ogni utile iniziativa ai fini della loro riscossione, specialmente di quelli risalenti ad esercizi remoti e comunque a verificarne l’esigibilità. Sotto il profilo ordinamentale la Corte ha posto in rilievo “come nel 2013 siano entrate in vigore le modifiche al sistema pensionistico approvate nel precedente esercizio al fine di assicurare, anche nel medio-lungo periodo, la sostenibilità della gestione previdenziale, i cui effetti sembrerebbero riflettersi positivamente già dal 2014 sui saldi della gestione previdenziale che, come già s’è detto, mostrano un miglioramento sul precedente esercizio.  Sempre riguardo alla sostenibilità della gestione nel tempo, nelle scorse relazioni si ebbe occasione di sottolineare, come a giudizio dell’attuario, la situazione dell’Ente non destasse preoccupazioni per l’intero arco temporale 2011-2060. Di ulteriori elementi di valutazione si potrà disporre alla luce del prossimo bilancio tecnico di cui la fondazione si doterà”.

29 luglio 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy