Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 28 GIUGNO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

FederAnisap: “Problemi del Ssn incidono sulle strutture sanitarie private. Serve un piano straordinario per le liste d’attesa”


"Nell’attuale legge di bilancio finalmente sono stati incrementati i fondi per il Ssn. Ma le iniziative che si adotteranno produrranno i benefici attesi in tempi non brevissimi: questo porterà, inevitabilmente, ad un ulteriore allungamento delle liste di attesa. L’unico provvedimento idoneo a bloccare l’incremento e a ridurre gli attuali tempi di attesa è un piano straordinario limitato nel tempo". Così il presidente Mauro Potestio.

17 DIC - Mauro Potestio, Presidente di FederAnisap (Federazione Nazionale delle Associazioni Regionali o Interregionali delle Istituzioni Sanitarie Private), lancia un allarme sulle difficoltà che i problemi del Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) stanno causando alle strutture sanitarie private accreditate.
 
“Fino al 2012 - sottolinea Potestio - abbiamo riscontrato apprezzamenti da parte dei pazienti in quanto i finanziamenti che ci venivano assicurati dalla maggior parte delle Regioni ci consentivano di erogare un numero di prestazioni che poteva soddisfare la domanda e, contemporaneamente, ci consentiva di migliorare costantemente la qualità delle nostre prestazioni. Purtroppo, dal 2012 sono stati adottati i seguenti provvedimenti: blocco delle assunzioni nel servizio pubblico accompagnato da una riduzione di investimenti in attrezzature, blocco degli aumenti di finanziamenti per il privato accreditato, non revisione di regolamenti e leggi che tenessero conto dei cambiamenti organizzativi che sono intervenuti nell’erogazione di prestazioni (soprattutto esami di laboratorio). Tutto ciò ha portato all’attuale crisi del Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) e a fargli perdere due principi fondamentali che lo caratterizzavano: l’Universalismo e la libera scelta del cittadino”.
 
Attualmente, la percentuale di prestazioni di specialistica ambulatoriale erogate dalle strutture private convenzionate, rispetto al totale delle prestazioni erogate dal Ssn, varia da Regione a Regione con cifre che partono dal 15% e che, in alcune Regioni, raggiungono il 60%.
 
Universalismo e Liste d’attesa
“L’Universalismo – spiega Potestio - si è perso perché il numero di prestazioni che in questi anni potevano essere erogate sia dal pubblico che dal privato accreditato sono state regolarmente inferiori rispetto alla domanda che cresceva costantemente del 3%, come avveniva negli anni precedenti. Questa situazione ha portato a progressive difficoltà che i pazienti incontravano per accedere alle prestazioni sanitarie di cui necessitavano a causa del progressivo incremento dei tempi di attesa. Con estrema chiarezza va detto che non sono stati fatti interventi concreti, in questi  anni, né per ridurre la domanda né per aumentare il numero delle prestazioni erogate. La conseguenza di tutto ciò è stata che un numero in costante aumento di pazienti ha rinunciato a fare le prestazioni che gli erano state richieste oppure ha dovuto pagare di tasca propria le prestazioni. Altra conseguenza è stata quella che i pazienti non hanno potuto effettuare le prestazioni nella struttura che avrebbero scelto, ma si sono dovuti rivolgere a strutture che avevano i tempi di attesa meno lunghi”.
 
“Abbiamo visto con soddisfazione – prosegue Potestio - che nell’attuale legge di bilancio finalmente sono stati incrementati i fondi per il Ssn. Abbiamo però contemporaneamente notato che le iniziative che si adotteranno produrranno i benefici attesi in tempi non brevissimi: questo porterà, inevitabilmente, ad un ulteriore allungamento delle liste di attesa. In molte occasioni la nostra Associazione ha suggerito che l’unico provvedimento idoneo a bloccare l’incremento e a ridurre gli attuali tempi di attesa è un piano straordinario limitato nel tempo, che è necessario affinché le modifiche strutturali diano il loro effetto, che consenta, con l’investimento finanziario adeguato, di poter erogare in questo lasso di tempo un numero maggiore di prestazioni. FederAnisap si è sempre detta disponibile a collaborare al successo di questo piano, facendo presente che se ci viene data la possibilità di erogare un numero di prestazioni maggiori a carico del Ssn, automaticamente diminuirebbe il numero di prestazioni che attualmente i cittadini pagano di tasca propria. Purtroppo non siamo stati finora ascoltati. Anzi, da più parti si è detto che la nostra proposta mirava solo ad incrementare il fatturato. E’ una falsità in quanto se noi potessimo erogare più prestazioni a carico del Ssn diminuirebbe in egual misura il numero delle prestazioni che il cittadino attualmente si paga di tasca propria”.
 
Mobilità Interregionale
Il Presidente FederAnisap ha inoltre ricordato che alcune Regioni non riescono ad elargire prestazioni in numero e qualità adeguate per soddisfare le esigenze dei pazienti che vi risiedono i quali, pertanto, si vedono costretti ad andare in altre Regioni per effettuare le prestazioni di cui necessitano. Sono stati adottati due provvedimenti che di fatto non risolveranno il problema della mobilità passiva ma creeranno ulteriori difficoltà ai pazienti: il tetto introdotto per l’erogazione di prestazioni ai “fuori Regione” e l’enunciazione di piani per migliorare l’erogabilità nelle Regioni che hanno una maggiore mobilità passiva. Il tetto ha un effetto immediato ma il miglioramento in quelle Regioni, se ci sarà, avrà sicuramente tempi non brevi. “Riteniamo quindi – afferma Potestio - che vada rivista la norma che introduce un tetto per le prestazioni ai pazienti fuori Regione”.
 
I Laboratori di analisi e i prezzi delle prestazioni
“La realtà attuale, soprattutto per i laboratori di analisi, è profondamente cambiata: molti si sono trasformati in punti prelievo e la fase analitica viene fatta sempre più frequentemente tramite service, da cui il prelievo stesso viene trasportato. E’ quindi necessario emanare norme nuove per regolare i service e che definiscano cosa sono i centri prelievi e come va trasportato il sangue. Ed infine vogliamo ribadire la nostra forte contrarietà affinché non prendano piede in Sanità le pure leggi di mercato per le quali il valore principale lo assume il prezzo della prestazione: è facilmente intuibile che il prezzo minore si accompagnerà ad un decadimento della qualità che comporterà danni per i pazienti e costi futuri superiori”, conclude il Presidente FederAnisap.

17 dicembre 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy