Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 OTTOBRE 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medici di famiglia. Ok a ipotesi convenzione. In arrivo 88 mln di arretrati e sblocchi stipendiali

di L.F.

Dopo l’ok all’intesa tra Sisac e sindacati è arrivato l’ok anche dal Comitato di Settore all’ipotesi di convenzione che era stata oggetto già di un verbale di pre intesa lo scorso settembre. Previsto lo sblocco degli arretrati (2017-2018) e via libera agli incrementi stipendiali per i medici di famiglia. E ancora regole chiare per attuare le norme introdotte dai Dl Semplificazione e Dl Calabria per gli incarichi ai medici in formazione (riguarda circa 6.000 medici in formazione nei prossimi tre anni).  Per l’ok definitivo servirà ora l’assenso di Governo, Corte dei conti e Stato-Regioni. IL TESTO

17 APR - Sblocco degli arretrati (2017-2018) e via libera agli incrementi stipendiali per i medici di famiglia. E ancora regole chiare per attuare le norme introdotte dai Dl Semplificazione e Dl Calabria per gli incarichi ai medici in formazione (riguarda circa 6.000 medici in formazione nei prossimi tre anni). Sono questi i capisaldi dell’ipotesi di Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale (già sottoscritta il 26 marzo 2020 tra la Sisac, Struttura Interregionale sanitari Convenzionati, e le organizzazioni sindacali e su cui in settembre era stato firmato un verbale di preintesa) e che oggi ha avuto il via libera da parte del Comitato di Settore Regioni -Sanità presieduto da Davide Carlo Caparini (Assessore della Regione Lombardia) e Vittorio Bugli (Assessore della Regione Toscana)

 
Il parere favorevole sarà comunicato alla SISAC per proseguire l’iter in vista della definitiva sottoscrizione dopo il pronunciamento del Governo e della Corte dei Conti.
 
L’ Accordo riguarda circa 67 mila medici operanti sul territorio nazionale e perché attua le disposizioni di due leggi (L. 12/2019 “Decreto Semplificazione” e L.60/2019 “Decreto Calabria”) che incidono sui contenuti delle disposizioni negoziali del vigente Accordo Collettivo Nazionale  per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale, in relazione soprattutto agli aspetti  legati all’esigenza di fronteggiare la carenza di medici da assegnare al territorio e per quelli relativi al corso di formazione specifica in Medicina Generale e la possibilità di assegnare incarichi convenzionali corsisti. Con l’accordo vengono anche specificate le modalità di erogazione delle risorse già definite, a regime dal 1° gennaio 2018 (arretrati/incrementi) pari all’aliquota già indicata nell’anno 2017 (1,84% = 0,75%+1,09%) con un onere complessivo contrattuale che ammonterà a regime a circa 88 mln di euro annui.
 
Il Comitato ha infine affrontato il tema dell’attuazione dell’articolo 38 del Dl 23/2020 che prevede riconoscimenti economici per i medici di medicina generale, i pediatri e gli specialisti ambulatoriali con l’anticipazione integrale e temporanea delle risorse residue assegnate alla contrattazione per il triennio 2016-2018, dando il via libera alla SISAC (vedi tabella) per procedere alla quantificazione e alla comunicazione alle Amministrazioni e agli Enti del SSN delle quote da applicare.
 
L.F.

17 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy