Quotidiano on line
di informazione sanitaria
01 AGOSTO 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Nursing Up: "La strada della sanità del futuro passa attraverso gli infermieri”


Il presidente del sindacato, Antonio De Palma, interviene alla luce della recente Assemblea Mondiale della Sanità: “L’Oms ha tracciato il percorso da seguire. Assunzioni capillari e una formazione del personale sempre più specialistica, pronta ad affrontare le nuove sfide della sanità”.

04 GIU - “La nefasta esperienza della pandemia, che ci stiamo lasciando gradualmente alle spalle, rimarrà tatuata per sempre sulla pelle di noi infermieri. Ma i professionisti della sanità, nel mettere nuovamente alla prova se stessi, in questi mesi hanno dimostrato, ancora una volta, di poter essere ‘la certezza’ su cui fare affidamento, anche a occhi chiusi, in frangenti così difficili e inattesi, e soprattutto di rappresentare la solida base di competenza ed umanità su cui costruire l’immediato futuro”. Così Antonio De Palma, Presidente del Nursing Up, commenta i contenuti della recente Assemblea Mondiale della Sanità, sollecitando l’Italia a realizzare un nuovo programma di rilancio della realtà infermieristica.

“Assunzioni capillari e una formazione del personale sempre più specialistica, pronta ad affrontare le nuove sfide della sanità”, spiega De Palma. “Il nostro sindacato, in linea con quello che è da sempre il leit motiv dell’Oms, invoca da tempo, per l’Italia, la costruzione di un modello infermieristico incentrato su figure sempre più all'avanguardia. L’indispensabile processo di valorizzazione della nostra categoria, da un lato, impone alla nostra politica il rispondere positivamente in tempi brevi alle nostre istanze, qualificando la nostra professione al pari di quelle europee, con un salto di qualità contrattuale degno di tal nome, per smettere di essere finalmente la Cenerentola del vecchio Continente”.


Il presidente del Nursing Up, nel confronto con i colleghi europei, cita “la media base del nostro stipendio, che va rivisto nettamente al rialzo. Questo vorrà dire, in termini di crescita, lavorando di pari passo su formazione, aggiornamento costante delle nuove leve, partendo dalla solidità del nostro percorso di laurea, che arriveremo a consolidare figure professionali sempre più qualificate, pronte a rispondere ai bisogni sanitari che il paese proporrà tempo per tempo. Dall’altro l’Oms parla chiaro: servono sei milioni di nuovi infermieri nel mondo alla luce della recente pandemia”.

Una situazione resa ancora più pesante dall’emergenza: “Il peso dei ricoveri, e lo slittamento delle attività ordinarie delle quali i cittadini non hanno potuto beneficiare durante la fase "clou" dell'emergenza Covid, proprio a causa delle chiusure di reparti e delle attività temporaneamente sospese, ha trasformato in voragine quello che era un buco già profondo, portando a 80-85 mila il numero di infermieri mancanti all’appello in Italia”, riferisce De Palma.

Per il Nursing Up, dunque, “la strada da seguire è bella che tracciata. Il Governo, le Regioni e le Aziende sanitarie ora non hanno più alibi: il futuro della sanità italiana passa attraverso quel massiccio investimento sulle risorse umane che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indicato in modo chiaro a tutti, nessuno escluso”.

04 giugno 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy