Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 27 SETTEMBRE 2021
Lazio
segui quotidianosanita.it

Nuovo tentativo per richiamare in servizio 70 precari Agenas. Cgil, Cisl e Uil: “Continueremo a lavorare per la stabilizzazione”

Dopo il mancato rinnovo a dicembre 2020, da gennaio la maggior parte di loro è a casa. "Falliti i precedenti tentativi, a seguito del parere negativo del Mef, Agenas e Ministero hanno elaborato una nuova proposta normativa che consenta di riassumere a tempo determinato chi, in co.co.co. O in forma subordinata, ha lavorato per l’Agenzia fino al 31 dicembre scorso, con la possibilità di rinnovare i contratti fino a un massimo di 36 mesi".

27 LUG - Oggi l’incontro al Ministero della Salute per affrontare il nodo dei 70 ex precari storici di Agenas. Dopo il mancato rinnovo a dicembre 2020, da gennaio la maggior parte di loro è a casa. "Un dramma a cui si è tentato di dare soluzione più volte - sostenuta da una lunga e articolata mobilitazione dei sindacati – attraverso strumenti normativi che ampliassero la pianta organica di Agenas e ponessero le condizioni per riassorbire e stabilizzare il personale”, ricordano Paolo Terrasi, Sandro De Paolis e Angelo Angritti – responsabili di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio.
 
“Falliti i precedenti tentativi, a seguito del parere negativo del Mef, Agenas e Ministero hanno elaborato una nuova proposta normativa che – senza prevedere incrementi di organico e con selezione pubblica, che tenga conto dell’esperienza maturata – consenta di riassumere a tempo determinato chi, in co.co.co. O in forma subordinata, ha lavorato per l’Agenzia fino al 31 dicembre scorso, con la possibilità di rinnovare i contratti fino a un massimo di 36 mesi. Nelle more dell’espletamento delle procedure, all’Agenzia sarà consentito di richiamare in servizio questi lavoratori, fino a giugno 2022”, aggiungono Terrasi, De Paolis e Angritti.

 
“Si tratta di una nuova possibilità, che ci auguriamo trovi questa volta il corretto veicolo normativo per la sua approvazione e superi le resistenze del Mef. Ci è stato sottolineato l’impegno dello stesso Ministro Speranza per chiudere positivamente la questione. In attesa di seguire l’iter parlamentare della norma, continueremo a lavorare per quello che è e resta l’obiettivo, per il lavoro e per i servizi, ovvero la stabilizzazione di questi lavoratori”, concludono i responsabili Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl. 

27 luglio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy