Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 LUGLIO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Specializzandi vessati e in fuga

di Gian Marco Rizzuti

07 APR -

Gentile Direttore,
sono Gian Marco Rizzuti, un giovane medico specializzando in Germania e titolare del blog “Sagen Sie 33”. Le scrivo in merito agli atti di nonnismo subiti dai colleghi nella Scuola di Specializzazione di Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Salerno.

Se da un lato sono rimasto basito, dall’altro la situazione non mi è nuova. Un esempio su tutti: il caso Sara Pedri, la ginecologa di Trento che, secondo la famiglia, si sarebbe tolta la vita per le vessazioni subite in reparto.

In un reparto d’oltralpe, in una situazione del genere, ci sarebbe stato l’immediato licenziamento del “luminare” con il conseguente processo civile da parte dell’azienda ospedaliera nei confronti del primario e la sospensione dell’abilitazione medica.

Non dovrebbe stupire quindi che ogni anno circa 1.500 giovani professionisti preferiscono emigrare piuttosto che rimanere bloccati in condizioni difficili.

Inoltre se teniamo conto che, secondo uno studio della FIASO tra il 2020 e il 2024, ci saranno in generale circa 8.299 medici e 10.054 infermieri in meno a disposizione del Servizio Sanitario Nazionale, si evidenzia in tutta la sua gravità l’“imbuto formativo” dato da un numero inadeguato di contratti formativi, cioè dalle specializzazioni. Questo squilibrio ha portato negli ultimi dieci anni all’esclusione di circa 12mila neolaureati.

Nel PNRR, il piano nazionale di ripresa e resilienza, sono previsti 20 miliardi per la Sanità, destinati quasi esclusivamente alla ricostruzione della sanità territoriale e in particolare alla costruzione di nuove Case e ospedali di comunità.

Secondo me, però, non basta discutere di quante strutture costruire, ma di come ripensare la Sanità, soprattutto a partire dalla gestione e struttura delle scuole di specializzazione e dalla qualità delle persone che ne fanno e ne faranno parte, perché i problemi sopracitati, esacerbati anche a causa dall’epidemia, continueranno molto probabilmente nei prossimi anni.

Vorrà quindi la classe politica trovare una soluzione a questo grosso problema che investe la Sanità Italiana e quindi tutti noi?

Gian Marco Rizzuti



07 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy