Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Aggressioni in sanità. Ha ragione Tiziana Frittelli: serve obbligo denuncia e costituzione parte civile per le Aziende

di Luciano Cifaldi 

20 MAG - Gentile Direttore, 
mi ero ripromesso di non tornare sul tema della violenza agli operatori sanitari avendoci dedicato buona parte del mio impegno in ambito sindacale. Peraltro nella mia mente è ancora vivo il ricordo di una forte critica ricevuta nel dicembre 2019 da parte di chi, nella organizzazione sindacale alla quale faccio ancora riferimento, riteneva esagerata la mia presenza sul tema.

Il ripetersi da allora di ulteriori frequenti episodi di violenza hanno purtroppo dato ragione a quanti, anche al di là della mia persona, hanno meritoriamente continuato con i mezzi a propria disposizione a tenere accesa l’attenzione dei media, dell’opinione pubblica e della politica su questo grave fenomeno.

Lei ha ospitato più volte su Quotidiano Sanità alcune mie riflessioni. Il fine ultimo del mio operato era anche quello di ottenere dalla politica un cambio di passo ed una iniziativa legislativa forte a tutela degli operatori sanitari. Prima ancora della repressione del fenomeno, comunque doverosa, ritenevo fosse necessaria una attenta analisi dello stesso per garantire la prevenzione e poi la repressione del fenomeni di violenza. Non a caso ho sempre parlato e scritto di battaglia di civiltà e tolleranza zero.

Chiedevo, come organizzazione sindacale, che le Aziende e le Asl si costituissero parte civile contro quanti fossero stati accusati di violenza contro medici, infermieri ed altri operatori sanitari. Arrivai anche al punto, avendone potestà decisionale, di garantire la piena copertura delle spese legali ai nostri iscritti vittime di aggressioni. 

Fino ad oggi pensavo di potermi ritenere abbastanza soddisfatto per l’insieme di iniziative messe in campo ai vari livelli, ricomprendendoci anche l’istituzione dell’Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie.

Però è innegabile che quanto nei giorni scorsi dichiarato dalla presidente di Federsanità Tiziana Frittelli, nell’ambito del congresso di una società scientifica dell’emergenza-urgenza, segna un autentico punto di svolta considerate l’autorevolezza della persona, il suo ruolo di manager ma anche di attentissima osservatrice delle dinamiche della sanità.

La dottoressa Frittelli ha dichiarato che è importante che i prossimi contratti collettivi del comparto e dell’Area Sanità contengano una prescrizione sulla obbligatorietà della segnalazione alla Procura da parte dell’azienda sanitaria di episodi di violenza e sulla necessità della costituzione di parte civile a tutela dei propri dipendenti aggrediti”.

Mi consenta gentile Direttore di amplificare, laddove possibile, questo sapiente passaggio: questo si che è davvero un punto di svolta. Se quanto auspicato da Tiziana Frittelli dovesse realizzarsi, e contestualmente si riuscisse a realizzare una forte campagna di informazione verso l’opinione pubblica, ciò renderebbe onore, seppur tardivamente, ai Colleghi aggrediti e fornirebbe maggiori garanzie e tutele a tutti gli operatori sanitari. 

Confido che i rappresentanti delle organizzazioni sindacali che saranno impegnati nel rinnovo del CCNL non mettano in secondo piano questo tema.

Luciano Cifaldi 
Oncologo medico

20 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy