Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 05 LUGLIO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Formazione medica. Le nostre richieste recepite dal Ddl Boldrini

di Chi si cura di te?

27 MAG -

Gentile direttore,p
ochi giorni fa, presso la sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama, è stato presentato il DDL n° 2372 "Modifiche al Decreto legislativo 17 Agosto 1999, N. 368, e altre disposizioni in materia di formazione medica" della Sen. Boldrini. Gran parte dei punti fondanti del DDL si stavano sviluppando, attraverso momenti di discussione e dibattito fra associazioni e medici in formazione, giusto due anni fa.

Era maggio 2020. Il COVID era in Italia da poco più di due mesi, le strade delle città erano deserte, noi medici eravamo fra le poche persone a poter uscire di casa per poterci recare ciascuno nel proprio ospedale. In tutto il mondo stavamo imparando a relazionarci attraverso gli schermi, sperimentando un modo nuovo di interagire.

L'emergenza acuta da COVID, che scoppiava nel contesto dell'emergenza cronica da carenza di personale sanitario, stava acuendo in maniera esponenziale le situazioni di sfruttamento e di scarse tutele subite dai medici in formazione (documentati dall'inchiesta di Chi si cura di te?, ASVER, MeSLo e ASUP).

Fu in quel contesto che decidemmo di convocare, il 10 maggio 2020, gli Stati Generali della formazione medica e del postlaurea. Una domenica pomeriggio, più di cento medici in formazione, studenti e camici grigi, si riunirono in assemblea, per discutere di qualità della formazione, di tutele sul lavoro, di diritto alla salute per tutta la popolazione, in una delle prime assemblee online così partecipate (qui il documento conclusivo dell’assemblea).

Da quella domenica pomeriggio, nacque il movimento Medici in Mobilitazione Permanente: Uniti per il SSN (MMP) che poche settimane dopo, in pieno lock-down, portò in piazza centinaia di camici grigi, aspiranti specializzandi, in più di venti piazze italiane. Chiedevamo non solo il superamento dell'imbuto formativo, ma una completa riforma della formazione postlaurea, specialistica e generalista, che prevedesse un inquadramento lavorativo per i medici in formazione, che estendesse le reti formative al territorio. Chiedevamo una maggior centralità della medicina territoriale. Parte di questa storia è stata di recente raccontata e analizzata da Costanza Galanti in un bellissimo articolo di cui consigliamo la lettura.

Ritrovare le istanze e le parole d'ordine di quel movimento in un DDL presentato al Senato della Repubblica, a distanza di quasi due anni esatti dalla prima manifestazione di MMP, è emozionante. É il riconoscimento di un duro lavoro, la dimostrazione di come la costruzione condivisa di proposte, attraverso momenti di discussione (che molto spesso possono sembrare inutilmente lunghi), possa incidere sul dibattito pubblico fino a concretizzarsi, attraverso il processo legislativo, in un cambiamento reale delle condizioni di vita per i lavoratori e di salute per tutta la popolazione.

P.S. è ancor più emozionante sottolineare come, proprio sul suo giornale, apparve per la prima volta, in un nostro articolo datato 9 ottobre 2019, la proposta di inquadramento all'interno del CCN della dirigenza medica per i specializzandi.

Anche questa è storia

Il Coordinamento Nazionale dei medici precari e in formazione “Chi si cura di te?”



27 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy