Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 NOVEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Per la sanità “autonomia” o “visione nazionale”? Il dilemma del Centro destra al Governo

di Ornella Mancin

03 OTT -

Gentile Direttore,
l’esito delle elezioni politiche ha sancito la vittoria del centro destra e porterà a governare per la prima volta in Italia una donna. E’ singolare  e, dal mio punto di vista di donna progressista, anche “fastidioso” scoprire che la prima donna che arriva alla carica di capo del governo non è una donna di sinistra  come sarebbe stato  logico aspettarsi bensì una di destra.

Ma evidentemente la Meloni il potere se lo è preso con audacia e determinazione, a sinistra le donne “democraticamente” lo anelano attendendolo come gentile concessione dai loro compagni di viaggio.

Verrebbe da dire attendi e spera, perché l’essere “progressisti” evidentemente non vieta  ai maschi di sinistra di  essere  sotterraneamente maschilisti e a tenere gelosamente per sé cariche e potere.

Da donna non posso quindi che complimentarmi con Georgia Meloni che, anche se distante dal mio modo di pensare, ha saputo portare una donna ai vertici della politica. Ci auguriamo che questo possa avere definitivamente infranto il soffitto di cristallo che ci avvolge  e   non rappresenti  solo un fuoco di paglia.

Da medico cerco di capire quali sviluppi porterà il suo governo in sanità. Dai pochi dati  che si ricavano dal suo programma sembra esserci una attenzione al SSN, al territorio, alla prevenzione.

Come molti altri ha promesso un abbattimento delle liste d’attesa, la ripresa di tutte le attività pre pandemia e soprattutto degli screening arrivando a spingersi a pensare a un meccanismo premiante per chi si sottopone agli stessi.

Il programma propone anche la creazione di una nuova authority (un’altra?) di controllo a cui i cittadini possono rivolgersi in caso di malasanità (ennesimo meccanismo per riversare le colpe su chi lavora in sanità?).

Da quanto emerge dai giornali pare che il suo partito non guardi di buon occhio alle Case di comunità e prediliga una sanità territoriale più prossimale: vedremo come potrà essere possibile un eventuale cambio di percorso quando orami sembra tutto già avviato  e come  intenda la destra concretamente sviluppare la medicina  del territorio.

Ma le questioni di fondo che sorgono in campo sanitario  se pensiamo al futuro governo sono essenzialmente due.

La prima riguarda la tenuta anzi il potenziamento del SSN. La sanità pubblica ha un costo elevato e negli anni passati abbiamo visto un continuo definanziamento del SSN  con una spinta verso la sanità privata. Davvero la destra intende onorare l’art. 32 della costituzione con un potenziamento del pubblico? Come si concilia questo  con l’idea della Flax tax che ridurrà ulteriormente il gettito fiscale? Dove il nuovo governo pensa di trovare i soldi per un potenziamento del SSN?

La seconda riguarda l’autonomia regionale. Il partito di Giorgia Meloni è nazionalista. Nel suo discorso di vittoria elettorale ha chiaramente detto di voler far diventare i cittadini  orgogliosi di appartenere all’Italia. Con la riforma del Titolo V  della Costituzione  si sono creati 20 sistemi sanitari regionali che anelano ad una sempre maggiore autonomia.  Il regionalismo differenziato è l’obiettivo principale della Lega  con cui la futura premier dovrà governare.

Come sarà possibile conciliare questo desiderio di centralità nazionale con queste spinte autonomiste e  con il regionalismo?  Il Covid  ha dimostrato come avere 20 sistemi sanitari  non abbia giovato alla gestione della pandemia; le differenze tar Nord e Sud in ambito sanitario sono molte e a tutto svantaggio delle regioni del sud.

Come pensa Georgia Meloni di  potenziare il SSN, di dare a tutti le stesse possibilità di accesso alle cure permettendo il  regionalismo differenziato? Viceversa  come sarà possibile smarcarsi dalla forte spinta autonomista della lega  e tornare a una sanità centralizzata?

Non mi paiono questioni secondarie e da come la futura  premier si saprà porre potremmo capire quali saranno gli sviluppi in ambito sanitario e quale tenuta avrà il suo governo.

Da donna non posso che augurale un buon lavoro nella speranza che tra i tanti problemi  che dovrà affrontare non dimentichi la questione femminile come spesso fanno le donne che raggiungono posti di potere.

Ornella Mancin

Medico di medicina generale



03 ottobre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy