Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Mancano i medici di medicina generale ma si fa poco o nulla per risolvere il problema

di Lorenzo Spadotto

16 NOV -

Gentile direttore,
nell’ultimo anno ho ricoperto un incarico provvisorio di medicina generale. Nessun collega un anno fa voleva assumere questo incarico e nessuno voleva farlo quest’anno. Di fatto, a Noventa di Piave, il paese in cui esercito, risultava (e risulta) una zona carente e quindi oltre 1.500 persone sarebbero rimaste senza assistenza o dislocate su medici in paesi limitrofi, quindi, pur non avendo il diploma di formazione specifica in medicina generale, ho scelto a novembre 2021 di assumere l’incarico.

Facendola breve, nonostante la disponibilità a continuare il servizio, l’Azienda ULSS ha rilevato l’incompatibilità tra la quantità di ore di libera professione da me dichiarata e l’incarico di medicina generale, in virtù – invero, per colpa - dell’art. 21 dell’ACN. Terminerò quindi l’incarico a fine novembre e questo mi spinge ad alcune considerazioni.

Consideriamo innanzi tutto che:

Allora le carenze saranno quelle già presenti (640) oltre alle nuove (462) per un totale di 1.100 e alla fine avremo comunque una mancanza di oltre 600 professionisti, mancanza che con tutta probabilità inciderà maggiormente nei centri urbani più piccoli.

Uno stillicidio inesorabile che ci ha portati oggi alla mancanza di medici, alla curva di pensionamento di cui abbiamo avuto i primi allarmi nel 2010 e dopo più di un decennio ci si è accorti di un fatto: la medicina di base non è più una professione appetibile per i giovani medici. Sicuramente i fattori sono molteplici – molti anche riportati in questa testata, ma volendone trovare uno tra tutti: non è normale che un medico di base stia più dietro al computer di quanto visiti effettivamente il paziente sul lettino o il malato a domicilio, e mi risulta difficile pensare possa essere stimolante come prospettiva di carriera per un giovane medico.

Nonostante già siano pochi i giovani medici disposti a fare questo lavoro, si fa di tutto per invogliarli a fare altro! Un esempio, tra gli altri, le innumerevoli incompatibilità presenti, tema sul quale ho scritto un anno fa proprio su questa testata, che spingono i colleghi a scegliere altre strade. Non è opportuno tornarci sopra, avendo già detto molto in passato, ma a tal proposito è importante ricordare l’opera dell’Associazione Camici Grigi e tutti i ricorsi da loro presentati in materia di incompatibilità tra corso di formazione in medicina generale e libera professione, arrivati favorevolmente a termine per i medici ricorrenti, finanche alla pronuncia coerente del Consiglio di Stato (n. 310/2022).

Ben lontani da far sterile polemica, credo sia opportuno chiedersi se negli anni avvenire continueremo a rincorrere i numeri in attesa che si saturino le zone carenti nel prossimo decennio e se, nel frattempo, continueremo a vivacchiare con medici a cui assegnare 1.800-2.000 pazienti l’uno, in barba al più misero senso di qualità delle cure.

Ed è a questo punto che mi viene in mente un passo dello scritto di Cavicchi su questo giornale “i medici di famiglia saranno sempre meno liberi professionisti e saranno sempre più “para subordinati”, quindi inizio a pensare che probabilmente non c’è alcuna intenzione di risolvere i problemi attuali rimuovendo limiti a dir poco anacronistici. In altre parole, con buona pace dei cittadini e della salute dei pazienti: “chi se ne frega”!

Sarebbe bene venisse detto, appunto, che non interessa del problema attuale. E anche se l’inizio del corso di formazione in medicina generale ha quasi sempre subito ritardi, non ultimo quello di quest’anno – condizione che già ampiamente fa comprendere la considerazione che viene data al problema, ci sono delle necessità politiche da seguire, le regioni devono accordarsi, la macchina elefantiaca della burocrazia deve muoversi coi propri tempi.

A ben vedere, se il 30% di colleghi che si diplomano come Medici di Medicina Generale non fa poi questo lavoro, ci va anche di lusso.

Dott. Lorenzo Spadotto

Medico



16 novembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy