Quotidiano on line
di informazione sanitaria
07 AGOSTO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Fisiatria e Fisioterapia, un chiarimento dovuto

di G.Capra e L.Contiero

15 SET - Gentile Direttore,
in seguito alla menzione del nostro precedente articolo da parte del dott. Gianpaolo de Sena ci teniamo a fare alcune precisazioni. Nella lettera precedente avevamo sottolineato la differenza di inquadramento, clinica, autonomia, formazione che i colleghi fisioterapisti ricevono in Inghilterra e lo abbiamo fatto in modo del tutto slegato da AIFI, senza che la stessa abbia preso parte all’idea ne tantomeno ai contenuti della stessa.
 
Entrambi i sottoscritti si sono e continuano a formarsi nella realtà inglese ed il Dott.Capra è responsabile e coordinatore della Formazione Continua Area Riabilitazione presso un ateneo svizzero; queste esperienze ci danno l’opportunità infatti di apprezzare la diversità di approccio che purtroppo il nostro SSN attua per soddisfare i bisogni del paziente.
 
Come il Dott.de Sena saprà l’accesso alla fisioterapia italiano è del tutto anomalo, infatti in nessun altro paese Europeo la prescrizione viene fatta unicamente dal medico fisiatra in ogni disciplina riabilitativa bensì l’intervento del fisioterapista può essere richiesto direttamente dal MMG o da altri specialisti con facilità e linee guida annesse.
 
In alcuni paesi europei, come menzionato nel precedente intervento, è già partito l’accesso diretto del fisioterapista con successo e risultati.
 
Non vogliamo ripeterci ed essere tedianti riguardo alla situazione di paesi amici nè citeremo ancora bibliografia (il lettore potrà consultare la stessa citata nel precedente articolo) poiché tale polemica ci sembra anacronistica alla luce del progresso scientifico che la fisioterapia ha fatto negli ultimi vent’anni.
 
Ci piace inoltre sottolineare come la figura del fisiatra esista in tutti i paesi da noi considerati ma questo non precluda minimamente l’autonomia e lo sviluppo delle altre discipline.
 
Se questo continua ad avvenire in Italia poiché viene ancora messa in discussione la preparazione universitaria del fisioterapista o di altre professioni allora tale carenza è del tutto risolvibile in due modi: aumentando la durata del CDL per equipararla agli standard Europei ed ammettendo colleghi fisioterapisti al ruolo di professori associati e ordinari nelle stesse (anche questa anomalia italiana).
 
Dott. Gianpiero Capra
Dott. Luca Contiero

15 settembre 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy