Quotidiano on line
di informazione sanitaria
20 GIUGNO 2021
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Aborto e persone Lgbt. Una questione dimenticata

di Manlio Converti

23 MAG - Gentile Direttore,
una voce nel deserto... in pratica, la mia, sulla questione Aborto e Persone LGBT. Come Amigay abbiamo pubblicato un post nel merito del rischio di aborto, o meglio di gravidanze, più elevato nelle adolescenti occidentali lesbiche e bisessuali, rispetto alle adolescenti eterosessuali e poi il crollo (9 e 2 volte) nell'età matura, in cui ovviamente la IVG diventa virtualmente inesistente.
 
 
Un lavoro più complesso, (allegato) mi è stato invece chiesto da una collega della Omceo di Benevento, di critica sugli articoli 42-46 della Deontologia Professionale, relativi a tutto l'ambito di Sessualità, Riproduzione e Fertilità.
Questi sono ambiti complessi, che in Italia nessun centro di ricerca vuole affrontare, per cui dobbiamo rifarci alla letteratura internazionale ed attendere che venga da loro approfondita.

 
Il problema maggiore è la mancanza di formazione sulle questioni specifiche relative alla Sessualità delle persone LGBT ed alla Gravidanza portata avanti dalle donne lesbiche e bisessuali. Affrontare un o una adolescente qualsiasi senza sapere nulla di Sex Orienteering significa svalutarli o sottovalutarli. Nel merito anche l'ignoranza della Medicina di Genere LGBT può causare errori di diagnosi, prevenzione e terapia.
 
Ovviamente promuoviamo una modifica radicale della legge sulle Adozioni e Riproduzione assistita, che garantisca i diritti civili, riproduttivi, sessuali e sanitari delle persone LGBT.
 
Infine bisogna ricordare che esistono purtroppo gruppi Pro-Vita anche LGBT, cioè esistono molte persone LGBT che sono contro la legge 194 e che ne fanno un manifesto, pur essendo i Pro-Vita di per sé contro le persone LGBT.
 
L'incoerenza è facilmente spiegabile... Il desiderio di maternità o paternità, la paura dell'aborto selettivo di feti LGBT, ma soprattutto la cultura tradizionale e familiare da cui le persone LGBT sono ugualmente pervase, come la popolazione generale di cui fanno parte. Non si sa perché si crede che i migranti non debbano essere razzisti o i gay non debbano essere omofobi, ma è vero anche questo, figuriamoci per i razzismi incrociati tra minoranze!
 
Il Codice Deontologico però è chiaro. Non richiede affatto l'obiezione di coscienza ma ne impone i limiti, di cura e assistenza alle donne che chiedono accesso alla legge 194.
Nulla osta allora all'eliminazione dell'obiezione di coscienza dalle strutture pubbliche, affinché sia rispettato il principio costituzionale che "la Legge (194) è uguale per tutti" e soprattutto per tutte!
 
Manlio Converti
Psichiatra
Presidente AMIGAY

23 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy