Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Vaccinare subito i Medici di medicina generale

di Leonardo Vaglio

01 FEB - Gentile Direttore,
in queste settimane è stato approntato e dovrebbe entrare nel vivo il piano di vaccinazione nazionale contro il covid; il condizionale è d’obbligo visti i ritardi nelle consegne delle dosi da parte delle aziende farmaceutiche. Ci sono però almeno 2 questioni sostanziali che andrebbero discusse preventivamente al fine di facilitare lo svolgimento della campagna.
 
Punto 1. Fino adesso sono state somministrate le dosi riservate ai residenti in strutture di lungodegenza e al personale sanitario. dal punto di vista logistico si tratta della fase più semplice: uno o più team di professionisti effettuano vaccinazioni in maniera centralizzata (RSA, centri vaccinali, ospedali, ecc). Le successive fasi saranno più complesse perchè dovranno raggiungere la popolazione che è perlopiù impossibilitata ad uscire di casa.
Da sempre la figura che per eccellenza, in maniera programmata o in urgenza, entra nella casa del malato, molto spesso non autosufficiente, è il medico di medicina generale. senza dubbio quest’ultimo rappresenta la vera capillarità dell’assistenza.
 
Punto 2. Se le recenti campagne vaccinali ci hanno insegnato una cosa, si tratta proprio della difficoltà a raggiungere gli obiettivi di copertura, quanto più ci allontaniamo dai luoghi di maggior interfaccia e dai professionisti in cui è riposta più fiducia da parte della popolazione. Questi sono rappresentati dai Medici di Medicina Generale e dai loro studi.
 
Non si tratta solo di iniettare una sostanza, l’impegno risiede nel grande lavoro di counseling e organizzazione che stanno a monte. Se questo compito è svolto da chi ti conosce, ti cura e ti assiste da una vita è lampante che l’unica cosa che ha a cuore è il tuo benessere.
 
A questo punto viene da chiedersi perché proprio questa categoria di professionisti viene esclusa dal piano vaccinale pandemico: ad oggi a livello nazionale e regionale il Medico di Famiglia non viene contemplato tra le categorie coinvolte nella vaccinazione attiva della popolazione italiana.
 
Non è forse stato sufficientemente alto il prezzo pagato in termini di morti e malati da covid-19 tra le fila di questa categoria? Oppure vengono ritenuti idonei solo per effettuare procedure a più alto rischio di contagio quali i tamponi ma non quelli di responsabilità quali sono i vaccini? O peggio ancora si teme la loro incapacità nell’applicare dei criteri clinico-epidemiologici di priorità per dare la precedenza alla popolazione più fragile?
Nella “vision” di chi decide questo atto non sarà nostro compito.
 
Dott. Leonardo Vaglio
Medico di Medicina Generale
Usl Toscana Sud Est


01 febbraio 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy