Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 LUGLIO 2021
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

E se a riformare la sanità non fosse la sinistra?

di Maria Luisa Agneni

30 MAR - Gentile Direttore,
ho letto il recente  pamphlet del Prof Cavicchi “La sinistra e la Sanità” e vorrei contribuire al Forum di Qs come medico, specialista ambulatoriale romana  e quindi inserita nel SSN  dai primi anni ’80 ad oggi, che ha  assistito e subìto  le modifiche  del SSN, le sue evoluzioni e involuzioni, passando anche per la disastrosa esperienza del piano di rientro.
 
Il sistema sanitario all’inizio della sua nascita ha accordato a noi medici  molta fiducia   per togliercela col passare del tempo  quasi completamente, preferendone  la sottrazione ad un sano, giusto e valido  governo inserendo limiti sempre più stringenti  che hanno determinato anche l’indefinitezza della nostra professione.
 
Per  giustificare questo si sono invocati  problemi economici di compatibilità in nome dei quali si sono costruiti percorsi , modalità di approcci clinico assistenziali e molto altro   per mantenere una discreta assistenza, o sperare di farlo,   addirittura orientando e condizionando in alcuni casi anche  la clinica.

 
Questo ha  sottratto alla professione l’impronta intellettuale che ha  sempre avuto, ha livellato il sapere medico, ha  favorito lo scollamento del rapporto fiduciario con i cittadini che sempre più, potendo, si sono rivolti  al privato accreditato o puro e hanno stipulato  assicurazioni sempre più impegnative con  esiti talvolta  imprevedibili.
 
L’aziendalizzazione del ‘92 è stata la trasformazione responsabile del declino del diritto alla salute come valore assoluto.
 
Effettivamente ciò che negli ultimi tempi abbiamo percepito  e temuto, almeno fino al sopraggiungere della pandemia, è che  il  SSN  in pochi anni si sarebbe dedicato   solo o quasi ai pazienti più fragili, (sia dal punto di vista sanitario che sociale) e che ben  presto  fondi o assicurazioni  e privati avrebbero ingaggiato una tale spietata concorrenza da metterci all’angolo, già penalizzati come siamo da sedi e  apparecchiature poco competitive.
 
Il Covid però ha riportato alla ribalta la necessità, anzi l’indispensabilità di un SSN efficiente , un Sistema al quale nessuno adesso si sentirebbe di rinunciare e al quale , dovrebbero pervenire molti fondi.
 
Ma per fare cosa?
Le riflessioni del professor Cavicchi vorrebbero dare una risposta a questa domanda accendendo i riflettori sui deludenti risultati di  una  riforma coraggiosa e universalistica come quella del ‘78 (dopo il fallimento economico e non solo delle mutue) modificata ed integrata numerose volte che  ha perso gradatamente la sua anima, scivolando verso una controriforma, incagliandosi nella più evidente contraddizione :il rapporto fra spesa sanitaria e PIL: la sostenibilità. Un assillo.
 
Già nella “Quarta Riforma”  del 2016 il professore segnalava tutti i problemi del Sistema  analizzandoli con grande competenza e lungimiranza e offrendo proposte di riforme dalla ridefinizione di tutela al riconoscimento di un nuovo ruolo del cittadino, al ripensare la medicina.
 
Oggi infatti non basta tutelare la salute  in tutte le sue declinazioni, prevenzione e cura ma bisogna costruire la salute con la relazione fra un buon medico e  il cittadino o il paziente   che ben informato avrà un ruolo attivo, partecipativo in una logica clinica e non igienistica  e per fare questo anche la medicina va ripensata e ridefinita nel rispetto  del malato che non è solo evidenza  ma complessità  bio-ontologica , nel rispetto  del medico che percepisce, ragiona  e decide responsabilmente.
 
Il limite culturale più presente in tutti i tentativi di riformare la sanità è costituito dall’approccio riorganizzativo, o di aggiustamento infatti  non si è progettata mai   una vera e necessaria riforma.
 
Perché nessuno  è stato in grado di immaginarla? O è stata immaginata ma nessuno è stato in grado di codificarla e attuarla? A 43 anni dal ’78 è cambiato il mondo e un intervento di maquillage sarebbe imbarazzante, eppure i denari che arriveranno rischiano di essere impiegati solo per quello; o peggio, quando la criticità della pandemia (come speriamo tutti) finirà, il nostro SSN rischierà di ritornare ad essere trascurato e non più oggetto di attenzioni se per tempo non sarà stato riformato grazie anche alle prossime potenzialità economiche. “Prima del Covid i rischi per il sistema sanitario di regredire, di implodere, di essere privatizzato e delegittimato anche pesantemente dalla società, di perdere la sua condizione universalistica erano davvero forti”
 
Ho trovato  interessante e coinvolgente  considerare   che una riforma debba superare le attuali contraddizioni di sistema:  tra autonomia e gestione di un limite, tra vecchia  idea di tutela di salute e moderna idea di salute, tra azienda e complessità… nella consapevolezza che la sostenibilità del sistema sanitario è in relazione alla risoluzione proprio  delle contraddizioni che devono essere  prima individuate e riconosciute.
 
Per fare questo ci vuole forza, dedizione e competenza e allora sarà possibile immaginare un Sistema socio sanitario di Comunità con i Consorzi per la salute di Comunità come viene ipotizzato dal professore senza trascurare la riforma del lavoro del medico a cui verrebbe riconosciuto l’essere autore di salute protagonista e azionista e non esecutore di prestazioni. Ma qualsiasi riforma della sanità non potrà essere vincente se non  ripenserà il modo con cui si fa medicina , fare meglio, non di più!
 
Concludo con una domanda: siccome per fare una riforma del SSN  ci vuole tra l’altro  coraggio, passione  per l’obiettivo e consulenti competenti senza conflitti di interesse, il riformatore deve ancora nascere o già ci sarebbe? Potrebbe non necessariamente essere nelle fila  in cui Cavicchi si aspettava di trovarlo?
 
Una cosa è certa sprecare le risorse che arriveranno per accontentarci di piccole migliorie sarebbe un vero  peccato.
 
 
Maria Luisa Agneni
Pneumologa Ambulatoriale
 
Vedi gli altri interventi relativi a questo Forum: CavicchiBonacciniMaffeiRossiTestuzza, SpadaAgnolettoZuccatelliMancin, PepeAsiquasGiannottiAgnetti, Gianni.

30 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy