Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 07 DICEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Covid. Pazienti con depressione ‘più fragili tra i fragili’, per loro priorità per la terza dose

di Claudio Mencacci e Matteo Balestrieri

02 SET - Gentile Direttore,
due importanti metanalisi appena pubblicate rispettivamente su Jama Psychiatry e su Lancet Psychiatry dimostrano, se mai vi fossero stati dubbi, che i pazienti con depressione e disturbi mentali sono “i più fragili tra i fragili”, ovvero a maggior rischio di contrarre Covid-19 nelle manifestazioni più gravi tali da richiedere ospedalizzazione, ricovero in terapia intensiva, esponendo a più elevata mortalità o esiti neurologici pesanti a lungo termine.
 
La prima metanalisi, condotta su 21 studi e 91 milioni di persone, conferma l’associazione tra Covid-19 e depressione, più in generale con i disagi mentali, che avrebbero in comune alcuni fattori di rischio, tra questi una possibile alterazione della funzione immunitaria in una parte di pazienti con depressione, unitamente a obesità, diabete, malattie cardiovascolari, spesso osservate in questa categoria di malati. Un pool di condizioni socio-sanitarie che rendono questa popolazione più fragile di tutte le altre. Risulta infatti che il 32% dei pazienti avesse sintomi depressivi cinque volte più elevati rispetto al 6% di quelli indagati nel triennio 2015-2018. Così come è stato evidenziato un peggioramento, nel 40% dei casi, di stati depressivi e ansiosi e una compromissione della qualità della vita con aumento dei disturbi del sonno, soprattutto a carico della popolazione femminile. Un aggravamento che vede nei pazienti con depressione una riduzione di oltre 10 anni delle aspettative di vita.
 
La seconda metanalisi, condotta su 23 studi e una popolazione di 1.469.731 pazienti con Covid-19 provenienti da 22 paesi, conferma che le persone con disturbi mentali sono state maggiormente esposte ad aggravamento sia per riduzione accesso alle cure che essere soggette a forme più gravi di Covid-19. Tra queste persone, più del 3,3% (43.938) presentavano disturbi mentali, e in particolare quelli dell'umore e psicotici si sono accompagnati a un rischio aumentato di mortalità per l'infezione da Sars-CoV-2, ma non di ricovero in terapia intensiva.
 
In quest’ottica la possibilità di un intervento precoce, di tipo diagnostico e terapeutico, risulta fondamentale per arginare il diffondersi della patologia psichica. Occorre garantire e agevolare l’accesso ai servizi specialistici, evitando situazioni di stigma, dialogando con i medici di medicina generale e con i pediatri di libera scelta, con i servizi territoriali cosi come con i consultori. Fondamentale è la presa in carico della sofferenza psichica e l’attenzione della medicina del territorio. La ‘tempesta perfetta’ (crisi sanitaria, emotiva ed economica) associata a Covid-19 va contrastata anche con un potenziamento dei servizi di salute mentale, campagne di prevenzione, compresa la vaccinazione prioritaria anti-Covid in questa categoria di pazienti più fragili, e di screening nelle popolazioni più a rischio (donne, giovani, anziani) al fine di ridurre i rischi e promuovere la resilienza. Ovvero occorre prendersi cura della pandemia emozionale e curare la paura della paura.
 
In funzione di queste evidenze, è forte l’appello della Società italiana di neuropsicofarmacologia agli esperti che si riuniranno da domani a Roma al G20 sulla salute, in occasione della sessione dedicata alla salute mentale, in modo da offrire ai pazienti con depressione un percorso dedicato e prioritario alla somministrazione della terza dose vaccinazione anti-Covid.
 
Claudio Mencacci
Direttore Emerito Neuroscienze Salute Mentale Asst FBF-Sacco di Milano e co-presidente SINPF
 
Matteo Balestrieri
Direttore della Clinica Psichiatrica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e co-presidente SINPF

Bibliografia
• Felicia Ceban, Association Between Mood Disorders and Risk of COVID-19 Infection, Hospitalization, and Death A Systematic Review and Meta-analysis, JAMA Psychiatry, Luglio 2021.
• Benedetta Vai, Mental disorders and risk of COVID-19-related mortality, hospitalisation, and intensive care unit admission: a systematic review and meta-analysis, Lancet Psychiatry, settembre 2021


02 settembre 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy