Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 26 NOVEMBRE 2022
Lombardia
segui quotidianosanita.it

San Raffaele di Milano. Medici in stato di agitazione per 1 mese

Al centro della protesta “il clima di disagio che accomuna i medici e sanitari di questo Ospedale e la conseguente fuga degli stessi dal San Raffaele, causata dalla inadeguata politica di gestione del personale da parte del Gruppo San Donato”. Amsr, Anaao Assomed, Cisl e Cgil Medici chiedono “l’intervento delle Istituzioni di competenza al fine di salvaguardare il valore dell’ospedale”.

13 GEN - I medici dell’Irccs San Raffaele di Milano in stato di agitazione per un mese, a partire dal 10 gennaio, per protestare contro le condizioni di lavoro e contrattuali che penalizzato il personale e mettono a rischio la qualità delle cure. Questa la denuncia di Amsr (Associazione medici San Raffaele), Anaao Assomed, Cisl e Cgil Medici, che in una nota congiunta parlano di “clima di disagio che accomuna i medici e sanitari di questo Ospedale e la conseguente fuga degli stessi dal San Raffaele, causata dalla inadeguata politica di gestione del personale da parte della Proprietà (Gruppo San Donato)”.

Le criticità, spiegano i sindacati in una nota, riconducibili allla:

- “APPLICAZIONE agli specialisti medici e sanitari di due contratti di lavoro diversi per retribuzione e parte normativa (CCNL della sanità privata AIOP e Contratto Collettivo Ospedale San Raffaele) nonostante tali specialisti svolgano le stesse mansioni e abbiano gli stessi titoli di studio e conseguenti responsabilità nell’esercizio della loro professione all’interno dello stesso Ospedale.”
 
- “MANCATA DISPONIBILITA’ da parte della Proprietà sia a recedere dall’applicazione del Ccnl Aiop sia a implementarlo al fine di colmare il divario economico e normativo che penalizza gli specialisti assunti con tale contratto; tutti i medici e sanitari sono comunque penalizzati rispetto ai colleghi che lavorano nelle strutture pubbliche con le stesse mansioni”.
 
- “PENALIZZAZIONE di tutti gli specialisti non solo non riconoscendo loro l’incentivo economico approvato a livello Regionale per il servizio eccezionale prestato senza remore durante l’emergenza Sars-Cov-2, ma abolendo unilateralmente una parte della retribuzione accessoria prevista dal loro contratto di lavoro”.
 
“Crediamo - prosegue la nota dei sindacati -  che tale situazione di forte disagio debba essere posta all’attenzione delle Istituzioni Regionali, in quanto all’interno dell’Ospedale San Raffaele di Milano, IRCCS accreditato al Sistema Sanitario Nazionale/Regionale e di importanza strategica per lo stesso Sistema Sanitario Regionale e Nazionale, vengono applicati agli specialisti medici e sanitari contratti precari oppure ampiamente scaduti, che non permettono neppure l’equiparazione della carriera a professionisti di evidenziata eccellenza, ma in realtà sottopagati e sottoclassificati rispetto ai colleghi degli Ospedali pubblici."

Per Amsr, Anaao Assomed, Cisl e Cgil Medici “tale disagio e carenza di personale rischiano di impoverire la qualità dell’assistenza ai pazienti, della ricerca clinica e dei percorsi formativi ed educazionali degli studenti di medicina e degli specializzandi, compito aggiuntivo assegnato ai sanitari dell’ospedale”.
 
Lo stato di agitazione, partito il 10 gennaio, porterà alla sospensione delle attività lavorative extra orario di servizio contrattuale.

“Si è trattato di una decisione sofferta e senza precedenti per questo Istituto - sottolineano i sindacati -, ma obbligata e necessaria, per richiedere l’intervento delle Istituzioni di competenza al fine di salvaguardare il valore dell’Ospedale San Raffaele, punto di riferimento in Europa e nel mondo per l’assistenza clinica e il progresso scientifico a vantaggio di tutti i cittadini”.

13 gennaio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Lombardia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy