Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 25 LUGLIO 2024
Lombardia
segui quotidianosanita.it

Esenzione ticket. Regione: “Chi l’ha usata impropriamente potrà mettersi in regola senza sanzioni” 

L’assessorato al Welfare fa sapere che in sede di stesura del provvedimento di assestamento di Bilancio verrà adottata la specifica norma che, come per gli anni precedenti, prevede anche per il 2024 la possibilità di sanare la propria posizione pagando solamente i ticket dovuti, senza quindi gli aggravi delle sanzioni.

29 APR - Nessuna sanzione per i cittadini che non hanno pagato il ticket a causa di un utilizzo improprio dell'esenzione. È quanto precisa l'assessorato al Welfare di Regione Lombardia.

“Ci sarà tempo fino all'assestamento di bilancio, in programma per luglio - dichiara l'assessore regionale Welfare, Guido Bertolaso - per regolarizzare le posizioni di chi ha ricevuto la richiesta di pagamento delle sanzioni".

" In sede di stesura del provvedimento di assestamento - conclude l'assessore - verrà infatti adottata la specifica norma che, come per gli anni precedenti, prevede anche per il 2024 la possibilità di sanare la propria posizione pagando solamente i ticket dovuti, senza quindi gli aggravi delle sanzioni".

29 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Lombardia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy