Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 17 GIUGNO 2021
Lombardia
segui quotidianosanita.it

Appello dell’Anaao a Regione, Asl e commissario Figliuolo: “Garantire cure a pazienti no covid”

L'appello di Anaao Lombardia si rivolge anche alla struttura commissariale affinché invii i medici necessari. Per l'Anaao, infatti, “alcune aziende sanitarie pubbliche lombarde stanno correndo troppo” sul fronte vaccini anti Covid e “si trovano nella condizione di non poter disporre di medici a sufficienza per curare bene sia la parte Covid che quella No Covid”. Il rischio, per l'Anaao, è che ora che la pressione sugli ospedali è diminuita, l'attenzione rivolta ai vaccini lasci ancora scoperta l'assistenza ai pazienti no Covid.

06 MAG - “Bisogna fare attenzione a non concentrare eccessive forze nelle vaccinazioni massive, trascurando la cura e la prevenzione dei pazienti e delle patologie no Covid”. È questo l'ultimo appello che Anaao Assomed Lombardia rivolge alla Regione e alle Aziende sanitarie pubbliche. Patologie come tumori, malattie cardiovascolari, malattie croniche riacutizzate o bisognose di controlli richiedono infatti cure tempestive, che non devono essere rimandate.

L'appello di Anaao Lombardia si rivolge anche alla struttura commissariale affinché invii i medici necessari, perché “ora che le prestazioni stanno per aumentare, i medici lombardi, rappresentati da Anaao Assmed, non vogliono e non possono più trascurare i loro malati”.

Il sindacato evidenzia come la Regione Lombardia, “grazie ai suoi medici e ai suoi infermieri, ha velocemente raggiunto e superato, la scorsa settimana, le centomila vaccinazioni al giorno. Ciò significa che, se L'Italia andasse allo stesso ritmo della Lombardia, i vaccini anti-Covid somministrati avrebbero potuto essere anche 700 mila al giorno”.


“Noi non sappiamo di chi altri sia il merito – argomenta Stefano Magnone, Segretario regionale di Anaao Lombardia – se non dei medici e degli infermieri che si stanno svenando per vaccinare in ogni momento e in ogni condizione. Quello che è certo è che alcune aziende sanitarie pubbliche lombarde stanno correndo troppo e si trovano nella condizione di non poter disporre di medici a sufficienza per curare bene sia la parte Covid che quella no Covid. Il rischio è che, – continua Magnone – ora che stanno venendo meno le pressioni su ospedali e terapie intensive, l'attenzione sia eccessivamente concentrata sui vaccini, lasciando ancora una volta il fianco scoperto a quei pazienti che hanno altre patologie rispetto al Covid”.

06 maggio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lombardia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy