toggle menu
QS Edizioni - venerdì 18 ottobre 2019

Regioni e Asl - Abruzzo

Abruzzo. Stipendi dei Dg, la Giunta approva aumento di 40 mila euro circa

immagine 10 settembre - Si tratta, precisa la Giunta in una nota, di un adeguamento, che porta i compensi dei direttori generali delle Asl abruzzesi a 149.000 euro annui lordi, comunque tra “le più ‘sobrie’ (solo la Calabria ha un’indennità leggermente inferiore)”, spiega la Giunta. La decisione per aumentare l’attrattività. L’attuale livello retributivo , afferma infatti l’Esecutivo regionale, “stava producendo come risultati la mortificazione e il declassamento della nostra Regione”.
Nella seduta odierna di Giunta, su proposta del Presidente Marco Marsilio, è stata adottata una delibera che adegua i compensi dei Direttori generali delle Asl abruzzesi, ormai fermi da tempo. Lo annuncia la Regione in una nota in cui si dà anche conferma della scelta di Roberto Testa e Thomas Schael come Dg rispettivamente della Asl 1 e della Asl 2.

Nella nota si vuole anche sottolineare le motivazioni di tale aumento di stipendio: “La Regione Abruzzo, adeguando il compenso a 149.000 euro annui lordi, pur continuando ad essere una delle più “sobrie” (solo la Calabria ha un’indennità leggermente inferiore, tutte le altre sono pari o superiori a tale importo), può da oggi collocarsi in una condizione di attrattività e di competitività almeno pari alle altre Regioni. L’attuale livello retributivo, inferiore di circa 40.000 euro alla media nazionale, rendeva la sanità abruzzese difficilmente “appetibile” per i manager, e non adeguare tale importo stava producendo come risultati la mortificazione e il declassamento della nostra Regione”, spiega la nota.

Nella seduta di Giunta convocata per mercoledì, alle ore 16.00,  a Palazzo Silone a L’Aquila verranno approvate le delibere di Giunta Regionale relative ai contratti per il Direttori generali delle Asl di L’Aquila-Avezzano-Sulmona e Chieti-Lanciano-Vasto, Testa e Thomas Schael.

Ieri il Presidente della Giunta ha adottato il decreto con il quale si nomina Schael, che ha già formalizzato l’accettazione dell’incarico.
10 settembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata