toggle menu
QS Edizioni - martedì 15 ottobre 2019

Regioni e Asl - Basilicata

Matera. il 10 luglio chiude la Ginecologia al Madonna delle Grazie. Fials: “Decisione assurda, senza atti o confronti con i sindacati”

immagine 3 luglio - Domani la Fials incontrerà il dg Polimeni per avere chiarimenti. “Una decisione presa senza una nota informativa né alcuna documentazione scritta ai dipendenti, ai quali è stato solo comunicata verbalmente la nuova assegnazione in altro reparto, tutto deciso previo sorteggio tipo lotteria ad estrazione. Se la dirigenza Asm non farà marcia indietro, saremo costretti alla mobilitazione”.
Il Segretario Generale Fials Gianni Sciannarella, il Segretario Fials ADMS, Angelo Fracchiolla e il Segretario Aziendale, Marco Bigherati, tuonano, in una nota congiunta, contro la decisione dell’Asm di chiudere il reparto di ginecologia dell’ospedale di Matera dal 10 luglio 2019, riassegnando i dipendenti alle altre unità operative. “Tutto questo è stato deciso previo incontro tenutosi nella mattina di lunedì 1 luglio tra il Dirigente delle Professioni infermieristiche, la Posizione Organizzativa e il Direttore della Unità Operative in questione. Nessuna nota informativa riguardo una possibile chiusura o riorganizzazione del servizio è giunta alle Organizzazioni Sindacali né alcuna documentazione scritta è stata inviata ai dipendenti ai quali è stato però comunicato sempre verbalmente la nuova assegnazione in altro reparto, tutto deciso previo sorteggio tipo lotteria ad estrazione”, contestano Sciannarella, Fracchiolla e Bigherati.

“Tutta questa vicenda – proseguono i dirigenti Fiasl – ci lascia perplessi perché ancora una volta la dirigenza ASM sta mettendo in atto delle azioni che avranno delle ricadute sul personale senza coinvolgere le organizzazioni sindacali, senza inviare la programmazione di tali eventi e soprattutto senza produrre nessun documento o delibera aziendale da poter impugnare. Ricordiamo che le riorganizzazioni di reparti e servizi sono materia di Informativa sindacale e di confronto sindacale come sancito dal CCNL del 21 maggio 2018. Nel frattempo abbiamo inviato tramite il nostro studio legale una nota di diffida per tutelare la sigla sindacale e le dipendenti. Ricordiamo che con questi atteggiamenti la ASM non fa altri che inasprire gli animi già caldi dopo le varie vicende, come già accaduto per la vertenza Progressioni Orizzontali. Rispetto alle rassicurazioni dell’Asm relativa una momentanea chiusura del reparto di ginecologia dell’ospedale di Matera per il periodo estivo ricordiamo che anche per il reparto di Psichiatria si parlava di una chiusura temporanea ma sappiamo bene che spesso quello che è temporaneo diventa definitivo”.

Intanto i rappresentanti sindacali Fiasl hanno ottenuto un incontro, giovedì 4 luglio 2019 alle ore 17, con il dg Joseph Polimeni per avere chiarimenti in merito a “questa assurda vicenda che lede ogni diritto umano avendo utilizzato. Il sorteggio come strumento per riassegnare il personale senza tener conto delle professionalità e della dignità della persone prima ancora che ledere i diritti contrattuali”.

“Se la dirigenza ASM non farà marcia indietro – avverte la Fials - saremo costretti alla mobilitazione attraverso un sit-in che presumibilmente si terrà martedì 9 luglio dalle 9 alle 14 presso l’ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Attendiamo fiduciosi l’evolversi della vicenda che ci sembra dai contorni grotteschi”.
3 luglio 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata