toggle menu
QS Edizioni - sabato 16 ottobre 2021

Regioni e Asl - Campania

Emergenza urgenza. Smi: “I medici della Continuità Assistenziale non possono sostituire il 118”

immagine 2 settembre - La decisione della dirigenza dell’Asl Napoli 3 Sud di attivare, con un ordine di servizio, in caso di codice rosso, l’impiego nei turni notturni dei medici della Continuità Assistenziale questa è una soluzione sbagliata, denuncia il sindacato. Per De Lucia, il Segretario regionale si devono bandire nuovi concorsi
“La carenza di personale del 118 a Napoli e nella sua provincia risulta essere un problema strutturale a cui si vuole rimediare, mettendo una toppa, sostituendo i medici dell’urgenza con quelli della continuità assistenziale. In questo modo si coinvolgono professionisti di un altro settore medico che non è appropriata per gli interventi di urgenza”.
 
Così Lugi De Lucia, Segretario regionale della Campania del Sindacato Medici Italiani.
 
“Per ultimo vi è la decisione, di questi giorni, della dirigenza dell’Asl Napoli 3 Sud di attivare, con un ordine di servizio, in caso di codice rosso, l’impiego nei turni notturni dei medici della Continuità Assistenziale – ha aggiunto – questa è una soluzione sbagliata, in quanto si costringono professionisti medici che non hanno né la strumentazione mediche, né la competenza clinica, d’intervenire su pazienti bisognosi d’interventi di medica di emergenza/urgenza. In questo modo si mettono a rischio i pazienti bisognosi di interventi urgenti e si espone i medici della Continuità Assistenziale ad eventuali errori professionali”.
Perché, il Servizio di Emergenza Territoriale del 118 di Napoli e della sua provincia si sono ridotti così? “Da molti anni – prosegue De Lucia – s’interviene, ormai, con poche unità, con un ridimensionato di organico e di mezzi. Bisogna, per questo, prendere atto delle mutate esigenze sanitarie della provincia di Napoli e della Regione Campania riorganizzando l’intero servizio del 118”.
2 settembre 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata