toggle menu
QS Edizioni - sabato 24 agosto 2019

Cronache

Assemblea Oms. Ok a nuova revisione classificazione malattie: entrano la dipendenza da videogame e lo stress da lavoro

immagine 27 maggio - Dal meeting in corso a Ginevra decisa la revisione della classificazione statistica internazionale delle malattie che entrerà in vigore nel 2022. Rafforzamento su percorsi per maggiore sicurezza dei pazienti e nell’assistenza dei servizi di emergenza. Votata poi risoluzione per il miglioramento della sanitizzazione delle strutture a livello di approvvigionamento di acqua e igiene delle strutture.
Dalla revisione della classificazione statistica internazionale delle malattie fino a interventi per migliorare la sicurezza dei pazienti. Nuove decisioni dall’Assemblea Oms in corso a Ginevra
 
Revisione classificazione malattie
Gli Stati membri hanno convenuto oggi di adottare l'undicesima revisione della classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi sanitari connessi (ICD-11), che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022. Per la prima volta, l'OMS ha classifica il disturbo da videogioco come un disturbo comportamentale che crea dipendenza. Tra le altre decisioni dell'ICD-11 vi sono l'inclusione della medicina tradizionale cinese e la rimozione dell'incongruenza di genere dai disturbi mentali nell'ICD, in condizioni di salute sessuale, oltre che lo stress da lavoro correlato e da disoccupazione.
 
L'ICD è la base per l'identificazione di tendenze e statistiche sulla salute a livello globale e lo standard internazionale per la segnalazione di malattie e condizioni di salute. È lo standard di classificazione diagnostica per tutti gli scopi clinici e di ricerca. L'ICD definisce l'universo di malattie, disturbi, lesioni e altre condizioni di salute correlate.
 
L'ICD cattura anche fattori che influenzano la salute, o cause esterne di mortalità e morbilità, fornendo uno sguardo olistico su ogni aspetto della vita che può influire sulla salute.
 
Capire cosa rende le persone malate e cosa le uccide, è al centro della mappatura delle tendenze e delle epidemie della malattia, decidere come programmare i servizi sanitari, allocare la spesa sanitaria e investire nel miglioramento delle terapie e della prevenzione. L'ICD-11 è ora adatto a molti usi, tra cui registrazione clinica, cure primarie, sicurezza dei pazienti, resistenza antimicrobica, allocazione delle risorse, rimborso, casemix, oltre alle statistiche di mortalità e morbilità.
 
L'ICD-11 è stato aggiornato per il XXI secolo e riflette i progressi della scienza e della medicina. Può essere ben integrato con applicazioni di salute elettronica e sistemi di informazione. Questa nuova versione è completamente elettronica, consente di registrare più dettagli ed è significativamente più facile da usare e da implementare, il che porterà a meno errori e costi inferiori e renderà lo strumento molto più accessibile, in particolare per le impostazioni a risorse limitate.
 
Gli Stati membri hanno rilevato che l'ICD-11 è stato prodotto in modo trasparente e collaborativo.
 
La sicurezza del paziente
Gli Stati membri che si sono riuniti presso l'Assemblea mondiale della sanità si sono impegnati a riconoscere la sicurezza dei pazienti come una priorità fondamentale per la salute ea intraprendere azioni concertate per ridurre i danni dei pazienti nelle strutture sanitarie.
 
L'Assemblea Mondiale della Sanità ha anche approvato l'istituzione di una Giornata mondiale della sicurezza dei pazienti il ​​17 settembre e ha invitato l'OMS a fornire supporto tecnico ai paesi per costruire capacità nazionali per valutare, misurare e migliorare la sicurezza dei pazienti.
 
L'Assemblea ha chiesto all'OMS di formulare un piano d'azione globale sulla sicurezza dei pazienti, in consultazione con i paesi e tutte le parti interessate, per migliorare e garantire la sicurezza dei pazienti a livello globale.
 
I danni ai pazienti a causa di eventi avversi sono una delle principali cause di morte e disabilità a livello globale. Si stima che 134 milioni di eventi avversi si verifichino annualmente a causa di cure non sicure negli ospedali nei paesi a basso e medio reddito, contribuendo a 2,6 milioni di morti, mentre si stima che 1 su 10 pazienti venga danneggiato mentre riceve cure ospedaliere nei paesi ad alto reddito.
 
Riconoscendo la sicurezza del paziente come centrale per l'erogazione di servizi sanitari e la fornitura di copertura sanitaria universale, l'OMS e il Regno Unito hanno lanciato congiuntamente la "Collaborazione globale per la sicurezza dei pazienti". Lo scopo di questa iniziativa è di assicurare e potenziare l'azione globale sulla sicurezza dei pazienti e collaborare strettamente con i paesi a basso e medio reddito per ridurre i danni evitabili ai pazienti e migliorare la sicurezza dei loro sistemi sanitari nazionali.
 
Sistemi di assistenza di emergenza per copertura sanitaria universale
Gli Stati membri hanno concordato di aprire la strada a servizi migliori e più rapidi per condizioni di salute sensibili al fattore tempo, tra cui lesioni, attacchi di cuore, condizioni di salute mentale, infezioni o complicazioni della gravidanza.
 
Un sistema di assistenza di emergenza funzionale è essenziale per la copertura sanitaria universale e investire in assistenza in prima linea consente di risparmiare vite umane, aumenta l'impatto e riduce i costi in altre parti del sistema sanitario.
 
Gli Stati membri hanno sottolineato che la tempestività è una componente essenziale dell'assistenza di qualità e che si potrebbero prevenire milioni di morti e disabilità a lungo termine se i servizi di assistenza di emergenza esistono ei pazienti li raggiungono in tempo.
 
Le misure concordate per rafforzare le cure di emergenza dei paesi includono lo sviluppo di politiche per finanziamenti sostenibili, la governance e l'accesso universale alle cure di emergenza per tutti, e l'integrazione delle cure di emergenza nelle strategie di erogazione della salute e di formazione a tutti i livelli. Gli Stati membri hanno anche adottato l'uso della valutazione del sistema di assistenza emergenziale dell'OMS per identificare le lacune e le priorità rilevanti per il contesto.
 
Acqua e servizi igienici
Gli Stati membri hanno concordato una nuova risoluzione per migliorare i servizi sicuri di acqua, servizi igienici (WASH) nelle strutture sanitarie di tutto il mondo. Constatando che questa è una misura critica per prevenire la diffusione di infezioni, ridurre le morti materne e neonatali e raggiungere una copertura sanitaria universale, la risoluzione esorta gli Stati membri a dare priorità a WASH per un'assistenza sanitaria più sicura in tutto il mondo.
 
Attualmente, una struttura sanitaria su 4 manca di servizi idrici di base e una su 5 non ha servizi di igiene - che riguardano rispettivamente 2 miliardi e 1,5 miliardi di persone. Inoltre, molti non dispongono di strutture per l'igiene delle mani e non dispongono di sistemi per la segregazione e lo smaltimento sicuro dei rifiuti. Circa il 15% dei pazienti sviluppa globalmente una o più infezioni durante una degenza ospedaliera, con il maggior rischio nei paesi a basso reddito.
 
Alla luce di ciò, la risoluzione chiede agli Stati membri di sviluppare tabelle di marcia nazionali, stabilire e attuare norme e investire in sistemi per sostenere servizi WASH sostenibili. Chiede inoltre all'OMS di fornire leadership, per aiutare a mobilitare risorse per gli investimenti, a riferire sui progressi globali e in caso di emergenza, per aiutare a coordinare e implementare WASH e prevenzione e controllo delle infezioni in ambito sanitario.
27 maggio 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata