toggle menu
QS Edizioni - lunedì 18 ottobre 2021

Cronache

Tokyo 2020. Ormai infranta la ‘bolla’ di protezione anti Covid per gli atleti al villaggio olimpico. Già riscontrate 67 positività

immagine 20 luglio - Ci sono stati 67 casi rilevati tra atleti e staff accreditati per i Giochi dal 1 luglio, hanno spiegato gli organizzatori. I nuovi casi di Covid-19 a Tokyo hanno raggiunto sabato 1.410, mentre i Giochi dovrebbero iniziare tra soli tre giorni. Gli esperti di salute pubblica hanno avvertito che i fattori stagionali, l'aumento della mobilità e la diffusione della variante Delta potrebbero portare a un'impennata di oltre 2.000 casi al giorno a Tokyo entro il prossimo mese, livello critico per il sistema sanitario.
La cosiddetta bolla per controllare le infezioni da Covid-19 nel villaggio degli atleti olimpici di Tokyo è già "rotta" e rappresenta un rischio di diffusione di infezioni alla popolazione generale. Ad affermarlo è stato un importante esperto di salute pubblica. I funzionari dei giochi domenica hanno segnalato il primo caso Covid-19 tra gli atleti nel villaggio di Tokyo. Ci sono stati 67 casi rilevati tra quelli accreditati per i Giochi dal 1 luglio, hanno spiegato gli organizzatori.
 
"È ovvio che il sistema della bolla è un po' rotto - ha detto Kenji Shibuya, ex direttore dell'Institute for Population Health al King's College di Londra -. La mia più grande preoccupazione è, ovviamente, che ci sarà un gruppo di infezioni nel villaggio o in alcuni degli alloggi e nell'interazione con la popolazione locale. Test insufficienti alla frontiera e l'impossibilità di controllare i movimenti delle persone significano che i Giochi potrebbero esacerbare la diffusione della variante infettiva del virus Delta", ha aggiunto.
 
Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach ha dichiarato la scorsa settimana che i test e i protocolli di quarantena lascerebbero "zero" il rischio che i partecipanti ai Giochi infettino i residenti in Giappone. 
 
"Dichiarazioni del genere servono solo a confondere e ad arrabbiare le persone - ha detto Shibuya - poiché le condizioni reali sul campo sono totalmente opposte". Ad aprile, Shibuya è stato coautore di un commento sul British Medical Journal secondo cui le Olimpiadi devono essere "riconsiderate" a causa dell'incapacità del Giappone di contenere i casi di coronavirus.
 
I nuovi casi di Covid-19 a Tokyo hanno raggiunto sabato 1.410, un massimo da quasi sei mesi, mentre i Giochi dovrebbero iniziare tra soli tre giorni. Gli esperti di salute pubblica hanno avvertito che i fattori stagionali, l'aumento della mobilità e la diffusione della variante Delta potrebbero portare a un'impennata di oltre 2.000 casi al giorno a Tokyo entro il prossimo mese, livelli che potrebbero portare il sistema sanitario della città al punto di rottura. 
20 luglio 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata