toggle menu
QS Edizioni - domenica 26 giugno 2022

Ecdc: “Variante probabilmente associata a trasmissibilità elevata e fuga immunitaria”

26 novembre - "Si teme che l'elevato numero di cambiamenti delle proteine ​​spike possa portare a un cambiamento significativo nelle proprietà antigeniche del virus. Sulla base delle prove disponibili, è probabile che questa variante sia associata a una trasmissibilità molto elevata e a una significativa fuga immunitaria. Finora, non ci sono prove di cambiamenti nella gravità dell'infezione".
 
Così l'Ecdc facendo oggi il punto sulla nuova variante Sudafricana che ha portato Israele e diversi Paesi europei a chiudere i propri confini ai voli provenienti dalle regioni dell'Africa meridionale.
 
"La variante è stata finora rilevata nelle sequenze riportate da Botswana (6), Sud Africa (59) e Hong Kong (1) secondo i dati riportati a Gisaid EpiCoV. Il primo caso segnalato da Hong Kong ha una storia di viaggi segnalati in Sud Africa. Hong Kong ha segnalato un secondo caso correlato al primo. Israele ha segnalato un caso identificato in una persona proveniente dal Malawi. Tutti i casi sequenziati segnalati dal Sudafrica provengono dalla regione del Gauteng, dove si trova Johannesburg, che attualmente sta vivendo un rapido aumento dei casi di Covid", spiega l'Ecdc.
La prima data di raccolta del campione segnalata è l'11 novembre 2021 (Botswana). A causa del basso numero di sequenze recenti riportate dal Botswana, non è possibile escludere la trasmissione in comunità.
26 novembre 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata