toggle menu
QS Edizioni - venerdì 14 agosto 2020

Governo e Parlamento

Covid-19. “Divieto di ingresso per chi arriva da 13 Paesi a rischio”. Speranza firma ordinanza 

immagine 9 luglio - L'ordinanza dispone il divieto di ingresso e di transito in Italia alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, vengono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi sopra indicati. IL TESTO
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato oggi, sentiti i ministri degli Affari Esteri, dell’Interno e dei Trasporti, un’ordinanza che dispone il divieto di ingresso e di transito in Italia alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi sopra indicati.

“Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza”. Queste le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo la firma dell’ordinanza.
 
A quanto si apprende i cittadini Schengen potranno in ogni caso rientrare ma dovranno fare la quarantena.
 
Per stilare la lista di Paesi a rischio al Ministero della Salute avrebbero utilizzato dei criteri basati sul numero di casi in rapporto alla popolazione e in base al flusso di persone verso l’Italia.
 
9 luglio 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata