toggle menu
QS Edizioni - mercoledì 28 luglio 2021

Lavoro e Professioni

Annuario statistico Ssn. Onotri (Smi): “Continua a diminuire la presenza dei medici e dei dirigenti del SSN e quella dei medici della medicina  convenzionata”

immagine 17 giugno - “Facendo un confronto  con gli anni precedenti, come riportato da Quotidiano Sanità, negli ultimi  10 anni abbiamo avuto  46mila unità di personale in meno (tra dipendenti e convenzionati). Questo scenario conferma la necessità di misure strutturali, sia per incrementare il numero dei medici e dei dirigenti ospedalieri sia per quanto riguarda la medicina generale convenzionata”.
“La pubblicazione  di due  giorni  fa dell’ultimo Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale, riferiti all’anno 2019, a cura Ministero della Salute conferma che le scelte, compiute da vari governi, in questi ultimi anni, hanno depauperato la nostra sanità”, così Pina Onotri Segretario Generale del SMI commenta i dati dell’Ufficio di Statistica del Ministero della Salute.
 
“Facendo un confronto  con gli anni precedenti, come riportato da Quotidiano Sanità,  - prosegue Onotri - negli ultimi  in 10 anni tra pubblico e privato sono stati tagliati  circa 43.000 posti letto. Il personale sanitario del SSN pubblico  in 10 anni ha registrato  circa 46.000 unità in meno e nello specifico 5.000 medici dipendenti in meno (erano 107.000  circa nel 2010, nel 2019 sono scesi a 102.000). I medici di famiglia dai 45.000 circa  che erano nel 2010 sono diventati 42.000 nel 2019 (-3.000). In diminuzione  anche i medici di continuità assistenziale (ex guardia medica) che dai 12.00 che erano nel 2010 sono diventati 11.500 circa nel 2019. Questo scenario conferma la necessità di misure strutturali, sia per incrementare il numero dei medici e dei dirigenti ospedalieri sia per quanto riguarda la medicina generale convenzionata”.
 
“Lo stiamo sostenendo in tutte le sedi da tempo: le criticità  emerse dalla pandemia,  richiedono politiche innovative, di formazione, d’investimenti  per  nuovi  parametri  salariali per medici e i dirigenti sanitari,  del SSN e per i medici convenzionati. Queste scelte servono, anche,  per una riduzione drastica delle liste di attesa  che sono il vero vulnus  per la salute di tutti gli italiani”, ha aggiunto la segretaria dello Smi.
 
“Per questo siamo convinti e sosteniamo l’apertura di un nuova stagione  di assunzioni  per il SSN. Le risorse e le competenze umane, lo abbiamo visto nel corso della pandemia – sottolinea ancora Onotri - devono essere implementate allo stesso modo delle infrastrutture edilizie, tecnologiche e digitali e sicuramente valorizzate. Si pone in questo ambito, quindi,   la necessità  di riformulare  il rapporto tra Stato e regioni perché  i concorsi sono  banditi dalle regioni  che molto spesso affrontano in modo difforme la carenza di professionisti medici nei SSR “.
 
“La carenza di medici, come emerge dall’Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale,  investe, in particolare, il ruolo chiave del medico di famiglia e  dell’area convenzionata;  al dato già preoccupante dell’Annuario si aggiunge il fatto che nei prossimi 5-8 anni migliaia di  medici di famiglia  andranno in pensione. Per queste ragioni, è quanto mai urgente – aggiunte la sindacalista - che il Governo adotti tutte le iniziative per la realizzazione della  scuola di specializzazione in  Medicina generale -cure primarie e  medicina  di comunità, per permettere a tanti giovani medici di avviarsi alla professione”.
 
“La pandemia da Covid 19 ha dimostrato, inoltre,  quanto sia importante la rete territoriale di medicina convenzionata che ricomprende oltre che la medicina di famiglia, anche la continuità assistenziale, il 118, la medicina dei servizi. Quest'ultima, soprattutto, andrebbe   implementata e sviluppata. Siamo convinti, conclude Onotri, che si debbano  ricostruire  le condizioni affinché  si rinsaldi  il patto di solidarietà tra medici e cittadini a partire da un aumento delle retribuzioni per tutti i medici che lavorano nel sistema pubblico, per scongiurare l’emigrazione verso l’estero e valorizzare le varie professionalità; prevedere nuove tutele per chi lavora nell’ area della  medicina generale e pari opportunità  per i medici donna. Questi gli obiettivi sono per lo SMI, le scelte obbligate nella prossima fase per il rilancio della nostra sanità. Se il Governo c’è, batti un colpo!”.
17 giugno 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata