toggle menu
QS Edizioni - lunedì 18 ottobre 2021

Lavoro e Professioni

Medicina d’Urgenza: il “decalogo” Anaao per superare la crisi

di Sandro Petrolati
immagine 22 settembre - Crisi di "vocazione" (456 borse di studio non coperte su 1077 nelle scuole di specializzazione in Medicina d’Emergenza Urgenza) e abbandono della medicina d'Urgenza. Ecco le proposte della Commissione Emergenza Urgenza Anaao Assomed
Nonostante il notevole incremento di borse di studio voluto dal Ministero della Salute quest’anno restano scoperte quasi 500 borse di studio nella disciplina Medicina d’Emergenza Urgenza (MEU).
 
A questo si aggiunge l’abbandono sempre più frequente e sempre più esteso, dalla MEU per andare verso altre discipline e/o altri rapporti di lavoro (come la Medicina Generale).
 
Se fino ad oggi si parlava di rischio di crollo del sistema emergenza sia ospedaliero che territoriale, questo crollo è ora cominciato.
 
La Commissione Emergenza-Urgenza Anaao Assomed ritiene pertanto indifferibili provvedimenti urgenti, molti già chiesti da anni (vedi documento commissione EU novembre 2018), per non consegnare l’intero sistema di emergenza a cooperative, convenzioni ecc.
 
Di seguito si riportano le proposte ritenute essenziali ed urgenti:
1. Riconoscimento della peculiarità che l’attività presso Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza e in Emergenza e SET-118 riveste nel SSN
 
2. Riconoscimento del lavoro in MEU e SET-118 come “lavoro disagiato”, anche a fini previdenziali.
 
3. Introduzione dal 2022 di una INDENNITA’ SPECIFICA per tutti i dirigenti impegnati in attività MEU e SET-118, alimentato da un fondo dedicato con atto legislativo ad hoc, senza sottrazione di risorse dagli attuali fondi della dirigenza (con atto analogo all’aumento dell’Indennità di esclusività voluto dal Ministro della Sanità)
 
4. Riconoscimento per tutto il personale in pianta organica presso SET-118 e DEA, di un periodo annuale di congedo di ulteriori 10 giorni, da godere tassativamente nello stesso anno, non cumulabili né procrastinabili negli anni successivi, analogamente a quanto riconosciuto per le discipline di radiologia e anestesia-rianimazione.
 
5. Possibilità di assunzione degli specializzandi a partire dal terzo anno.
 
6. Iniziare il processo di affiancamento degli ospedali nella formazione sia post – laurea, sia per la stabilizzazione dei professionisti assunti in convenzione
 
7. Indizione dei concorsi per Medicina d’Emergenza Urgenza in forma aggregata a livello regionale, garantendo però una velocizzazione delle procedure di assunzione.
 
8. Possibilità di ulteriore incremento, in sede di contrattazione aziendale, dell’indennità di guardia, per le aree di emergenza-urgenza.
 
9. Integrazione funzionale del SET-118 con il Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA), con possibilità di rotazione del personale in scambio reciproco tra DEA e SET-118.
 
10. Analogamente a quanto previsto dal CCNL per l’esonero dai turni notturni agli over 60anni, definire criteri di esonero da lavori particolarmente disagiati come l’attività su ambulanza sia diurni che notturni
 
Sandro Petrolati
Coordinatore commissione Emergenza Urgenza Anaao Assomed 
22 settembre 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata