toggle menu
QS Edizioni - venerdì 30 settembre 2022

Regioni e Asl - Puglia

Emergenza 118 e PS. Omceo Bari incontra Palese, accordi integrativi per tamponare la situazione

immagine 27 luglio - L’assessore ha ribadito la massima disponibilità della Regione a mettere a disposizione risorse finanziarie per colmare le gravi carenze di personale, ma ha anche evidenziato la difficoltà nel trovare le risorse umane. Nell’immediato si valuta l’utilizzo degli specializzandi e il coinvolgimento dei medici di famiglia e dei liberi professionisti di varie specialità e su base volontaria. Anelli: “Occorre fare un patto per sostenere il settore del Pronto Soccorso”.
È stata l’emergenza legata alla carenza di personale - che risulta “drammatica” in alcuni settori come quello dell’emergenza urgenza - al centro dell’incontro di oggi tra l’assessore regionale alla Salute Rocco Palese, il presidente Omceo Filippo Anelli, il vice presidente Franco Lavalle e tutti i membri del Consiglio dell’Ordine dei medici di Bari. 

Palese, riferisce l’Omceo in una nota, “ha individuato come possibile soluzione la promozione di una proposta di legge che consenta di utilizzare gli incrementi del fondo sanitario assegnati alle Regioni (il 10% circa all’anno) anche per la spesa corrente destinata al personale - un budget che è fermo alla spesa storica del 2004”.

L’assessore ha ribadito la “massima disponibilità” della Regione a mettere a disposizione risorse finanziarie per colmare le gravi carenze di personale, ma ha anche evidenziato la difficoltà nel trovare le risorse umane.

“Ovviamente - osserva l’Omceo di Bari -, servono soluzioni di lungo periodo che rendano attrattivi settori come quelli del 118 e dell’emergenza urgenza e che intervengano sia sugli aspetti organizzativi che su quelli retributivi. Tuttavia, nell’immediato e a fronte delle difficoltà nel reperire personale, la Regione sta intervenendo con accordi integrativi tramite tavoli tecnici con le organizzazioni sindacali e i primari dei Pronto soccorso per individuare soluzioni alternative per l’emergenza urgenza. Incontri per il 118 e per i Pronto Soccorso - tramite il coinvolgimento su base volontaria dei medici di medicina generale nella gestione dei codici bianchi e verdi - sono in programma oggi”. 

L’utilizzo degli specializzandi e il coinvolgimento dei liberi professionisti di varie specialità e su base volontaria possono essere, per l’Ordine dei medici, “soluzioni praticabili”. 

“In presenza dell’emergenza e in una fase di transizione occorre fare un patto, che coinvolga su base volontaria tutti i settori e tutti i profili del mondo medico, per sostenere il settore del Pronto Soccorso”, ha sottolineato Filippo Anelli.

L’assessore Rocco Palese ha comunque escluso che ci sia alcuna propensione all’esternalizzazione del servizio del Pronto Soccorso tramite l’appalto a terzi.

Sul fronte delle indennità di specificità medica per i dipendenti delle Università, l’Assessore Palese, riferisce l’Omceo, “ha garantito la disponibilità della Regione a mettere a disposizione delle risorse economiche. Tuttavia, occorre che l’Università individui una formula giuridica che superi gli ostacoli di natura legale e burocratica per consentire così alla Regione di provvedere ad uno stanziamento specifico per l’integrazione”, conclude la nota dell’Ordine.
27 luglio 2022
© QS Edizioni - Riproduzione riservata