toggle menu
QS Edizioni - sabato 2 luglio 2022

Regioni e Asl

A Venezia il dentista a domicilio. L’iniziativa dell’Ulss 3 con gli specialisti dell'ospedale Civile

immagine 11 maggio - Ogni mercoledì l’odontoiatra ospedaliero, accompagnato dall’odontotecnico che lo affianca per le impronte dentali e le prove delle protesi, va, su prenotazione, nelle case dei pazienti con gravi difficoltà di movimento. “L'assenza di un ambiente sterile al domicilio non consente interventi invasivi, ma è fondamentale per le azioni meno invasive”. Il team di specialisti si occupa, ad esempio, della creazione di una protesi dentale, che richiederebbe numerosi viaggi all'ambulatorio ospedaliero e ritorno.
Dopo cinque mesi di sperimentazione è nata ufficialmente, a Venezia, la nuova figura del 'dentista a domicilio' dell'azienda sanitaria e gli odontoiatri dell'ospedale Civile hanno già tutti i mercoledì (giorni interamente dedicati a questo servizio) pieni di appuntamenti. 

Ogni mercoledì il nuovo dentista a domicilio di Venezia compie almeno 10 mila passi per visitare i pazienti fragili nelle proprie, inclusi i chilometri macinati su ponti e scale che portano ai piani alti dei palazzi veneziani. La sua mappa dei pazienti con gravi difficoltà di movimento lo porta a frequentare ogni lembo della Venezia insulare e delle sue isole.

I pazienti fragili seguiti sono al momento un centinaio: utenti in carrozzina, allettati o con gravi problemi di deambulazione. 
L'agenda del mercoledì mappa quindi un itinerario che impegna tutta la giornata e tiene conto della distanza di percorrenza tra una casa veneziana e l'altra. Da tre a cinque le visite a seconda della distanza tra le abitazioni e la necessità di sbarcare o meno in qualche isola.

Accanto al dentista ospedaliero in uscita, c'è sempre l'odontotecnico, che lo affianca per le impronte dentali e le prove delle protesi.

“Per arricchire i servizi forniti ai veneziani fragili del centro storico, che ogni giorno sono costretti ad affrontare la complessità logistica della città d'acqua, l'Ulss 3 Serenissima ha deciso di costituire uno specifico Servizio dentistico itinerante - spiega in un anota il direttore generale Edgardo Contato -. Venezia è un unicum, e ancor più di altre realtà ha sempre più bisogno di servizi che si articolino in modo diffuso sul suo tortuoso territorio, fino ad arrivare direttamente a casa del paziente. E quando il paziente è particolarmente fragile questa cura a domicilio diventa oggi la prassi”.

Il nuovo servizio a domicilio è in capo all'Unità complessa di Odontostomatologia e Chirurgia maxillofacciale di Venezia, guidata dal primario Michele Franzinelli: “Grazie a flessibilità e disponibilità dimostrate dalla nostra Azienda sanitaria, è stato possibile ideare e rendere dettagliatamente operativo un ambulatorio itinerante, capace di prendere in carico i nostri pazienti che hanno davvero bisogno, fino a varcare le porte delle loro case. Tutto questo è potuto nascere grazie alla disponibilità dell'équipe: del referente del servizio Alessandro Lobbio, chirurgo maxillo facciale, del medico odontoiatra Fabio Piaser e del personale di comparto Barbara Paganini, Velda Vianello, Molin Daniela e Giulia Terzi. Équipe che è riuscita ad andare incontro alle esigenze che la logistica veneziana richiede”.

“L'assenza di un ambiente sterile al domicilio del paziente non consente ovviamente interventi invasivi, ma è fondamentale per chi non più muoversi dal proprio letto o dal proprio appartamento la visita di uno specialista - continua il primario -, la presa in carico, le azioni meno invasive. E a domicilio, per questi pazienti non deabulanti, gli odontoiatri dell'ospedale si occupano di tutto l'iter, ad esempio, per la creazione di una protesi dentale, che richiederebbe numerosi viaggi all'ambulatorio ospedaliero e ritorno”

Per chiedere informazioni o per prenotare una visita a domicilio, l'utente non deambulante può telefonare direttamente alla segreteria di Odontostomatologia dell'ospedale Civile di Venezia al numero 041 529 4564, anche senza passare per il Cup.
11 maggio 2022
© QS Edizioni - Riproduzione riservata