toggle menu
QS Edizioni - venerdì 30 ottobre 2020

Regioni e Asl

Vaccino antinfluenzale. Tar Lazio respinge sospensiva contro ordinanza obbligo vaccinazione 

immagine 15 settembre - Per i giudici, “nell’ottica di una sommaria valutazione, propria della fase cautelare”, appare “prevalente” l’interesse “della tutela della salute pubblica, di cui l’ordinanza impugnata ha voluto farsi carico”. D’Amato: “Vaccinarsi quest’anno ha una particolare importanza data la pandemia in corso. Il pronunciamento del Tar è molto importante poiché non interrompe la macchina organizzativa della vaccinazione antinfluenzale”. L’ORDINANZA DEl TAR
Il Tar del Lazio ha respinto la richiesta di annullamento presentata dal Codacons, previa sospensione dell’efficacia, dell’ordinanza del Presidente della Regione Lazio del 17 aprile 2020 n°30 che rende obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale e antipneumococcica. L’ordinanza regionale richiama le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e la prevalenza della tutela della salute pubblica.

I giudici osservano, in particolare, come i gruppi individuati nel provvedimento regionale per la vaccinazione obbligatoria siano riconosciuti corretti “dagli studi internazionali, e in particolare dagli atti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”, che assicurano anche come la vaccinazione sia “la forma più efficace di prevenzione dell’influenza”.

Inoltre, secondo il Tar, “nell’ottica di una sommaria valutazione, propria della fase cautelare, sia del merito della causa che dei contrapposti interessi fatti valere, appare prevalente quello della tutela della salute pubblica, di cui l’ordinanza impugnata ha voluto farsi carico”.

Per questo il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio respinge l’istanza cautelare.

Decisione appresa con soddisfazione dall’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. Per D’Amato, “in attesa della discussione del merito questo pronunciamento del Tar è molto importante poiché non interrompe la macchina organizzativa della vaccinazione antinfluenzale che quest’anno ha un obiettivo ambizioso di coprire una fascia di cittadini molto ampia e anche tutti gli operatori sanitari con un vaccino gratuito e sicuro. Vaccinarsi quest’anno ha una particolare importanza data la pandemia in corso e una efficace copertura antinfluenzale consente di verificare prima i sintomi del COVID ed evitare inutili assembramenti presso i pronto soccorso”, conclude l’assessore.
15 settembre 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata