toggle menu
QS Edizioni - giovedì 29 settembre 2022

Regioni e Asl - Sicilia

Prorogati al 31 dicembre gli incarichi dei manager di 11 Asp e Ao

immagine 1 giugno - Revocato l’Avviso pubblico di selezione per il conferimento degli incarichi allo scopo di ottemperare alla norma approvata a marzo dall’Ars che dispone il divieto di nomine nei 180 giorni antecedenti alle elezioni. Il provvedimento riguarda le Asp di Caltanissetta, Enna, Catania, Palermo, Siracusa; degli ospedali di Palermo “Civico” e “Villa Sofia Cervello”, di Catania “Garibaldi” e “Cannizzaro”, di Messina “Papardo” e “Irccs Bonino Pulejo”.
La giunta regionale della Sicilia ha revocato l’Avviso pubblico di selezione per il conferimento degli incarichi di direttore generale delle Aziende e degli enti del Servizio sanitario regionale. La decisione è stata presa in attuazione della norma approvata dall’Ars che dispone il divieto di nomine nei 180 precedenti alla scadenza della legislatura in corso e dunque alle elezioni. Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore alla Salute Ruggero Razza, ha quindi deciso di prorogare fino al 31 dicembre l’incarico dei direttori generali delle Aziende i cui contratti scadevano il 31 maggio.

Le aziende coinvolte sono le Asp di Caltanissetta (Alessandro Caltagirone), Enna (Francesco Iudica), Catania (Maurizio Lanza), Palermo (Daniela Faraoni), Siracusa (Salvatore Lucio Ficarra); degli ospedali di Palermo “Civico” (Roberto Colletti) e “Villa Sofia Cervello” (Walter Messina), di Catania “Garibaldi” (Fabrizio De Nicola) e “Cannizzaro” (Salvatore Giuffrida) e di Messina “Papardo” (Mario Paino) e “Irccs Bonino Pulejo” (Vincenzo Barone).
1 giugno 2022
© QS Edizioni - Riproduzione riservata