toggle menu
QS Edizioni - giovedì 17 ottobre 2019

Studi e Analisi

Uk/2. Il segretario alla Salute Hancock: “Investiremo in sanità anche senza accordo su Brexit”

immagine 6 agosto - Così il segretario alla Salute anticipando il piano di spesa deciso con il premier Boris Johnson. Downing Street ha pubblicato un elenco di 20 progetti ospedalieri che beneficeranno di un programma di potenziamento di £ 850 milioni, onorando una promessa fatta da Johnson nel suo primo discorso come primo ministro meno di due settimane fa. Il resto di £ 1,8 mld sarà speso per altri progetti del NHS in Inghilterra, mentre la Scozia riceverà £ 180 mln, Galles £ 110 mln e l’Irlanda del Nord £ 60 mln.
"Gli 1,8 miliardi di sterline saranno spesi per le infrastrutture e le attrezzature del NHS anche se c'è una Brexit senza accordo". Matt Hancock, il segretario alla salute, lo ha dichiarato prima dell'annuncio ufficiale di Downing street, oggi, sul finanziamento proposto.
 
Boris Johnson avrebbe svelato il piano di spesa durante una visita nel Lincolnshire, una delle aree più pro-Brexit del paese, rafforzando l’idea che il primo ministro si stia preparando per le elezioni generali autunnali con il messaggio della spesa aggiuntiva al NHS.
 
In una serie di interviste con i media, Hancock ha affermato che il denaro extra - che le organizzazioni della salute e dell'opposizione hanno liquidato come insufficiente per compensare i tagli precedenti - potrebbe essere pagato in virtù di un'economia vivace. "L'economia sta crescendo fortemente, e alla fine tutti i servizi pubblici ... e il più grande tra questi è il NHS,verranno pagati da un'economia forte", ha detto a BBC One's Breakfast.
 
Le cifre di crescita più recenti hanno mostrato che il PIL è aumentato dello 0,3% a maggio rispetto a un mese prima, invertendo una precedente flessione.
La scorsa settimana però la Banca d'Inghilterra ha dichiarato che il Regno Unito potrebbe affrontare con una probabilità su tre una fase di recessione all'inizio del prossimo anno, a causa dell'incertezza sulla Brexit.

Hancock ha affermato che la nuova spesa per il NHS avverrebbe anche se il Regno Unito lasciasse l'UE senza un accordo. “Questi soldi, questi nuovi investimenti, ci saranno qualunque sia lo scenario della Brexit. Perché qualunque cosa accada sulla Brexit, abbiamo bisogno che il NHS sia forte a lungo nel futuro."

Descrivendo il NHS come la "massima priorità nazionale" per il governo di Boris Johnson, Hancock ha affermato di poter garantire che non ci sarebbe nessuna delle temute carenze di medicinali in caso di nessun accordo con l’UE.
"Quello che posso garantirvi è che abbiamo in atto piani completi per fornire senza ostacoli i medicinali, per garantire che il servizio sanitario nazionale funzioni nel modo più efficace possibile oggi in qualsiasi scenario Brexit".

Oggi Downing Street ha pubblicato un elenco di 20 progetti ospedalieri che beneficeranno di un programma di potenziamento di £ 850 milioni, onorando una promessa fatta da Johnson nel suo primo discorso come primo ministro meno di due settimane fa.
 
Il resto di £ 1,8 miliardi sarà speso per altri progetti del NHS in Inghilterra, mentre la Scozia riceverà £ 180 milioni, Galles £ 110 milioni e l’Irlanda del Nord £ 60 milioni, per fornire finanziamenti equivalenti alle amministrazioni decentrate. Alcuni dei 20 progetti si trovano principalmente in aree a favore della Brexit, di cui tre negli ospedali di Norfolk, uno nel Lincolnshire e altri in Cornovaglia e Stoke-on-Trent.
 
Jonathan Ashworth, il segretario per la salute ombra, ha detto che aveva "un enorme scetticismo sul fatto che [i 1,8 miliardi di sterline] siano nuovi finanziamenti". "Quello che sta cominciando a venir fuori è che agli ospedali del denaro era stato promesso se avessero tagliato maggiormente i loro costi e ridotto le loro spese, poi i ministri che si sono succeduti li hanno bloccati “.
 
"Ora sembra che Boris Johnson ha effettivamente detto che si possono spendere quei soldi extra". Il denaro, che si aggiunge all'aumento della spesa a lungo termine per il NHS annunciato lo scorso anno per un valore di £ 20 miliardi in più entro il 2023, porterà al bilancio delle spese in conto capitale del NHS un aumento del 30% quest'anno.

"I ministri dei Tory hanno tagliato oltre 4 miliardi di sterline dai budget degli investimenti del NHS con continue incursioni, portando a fatiscenti ospedali, attrezzature difettose, strutture di salute mentale scadenti e la cancellazione di appuntamenti per la diagnosi del cancro", ha affermato Ashworth. 

"Quando i nostri servizi sanitari continuano a essere tagliati e il sistema sanitario nazionale lotta con una carenza di 100.000 dipendenti, questo annuncio non è significativamente all'altezza di ciò che è necessario per fornire ai pazienti la qualità e la sicurezza che meritano".

“Anche dopo questi soldi aggiuntivi, sussiste un grave rischio per la qualità dell'assistenza ai pazienti a causa del deterioramento delle strutture, delle infrastrutture obsolete e della carenza di attrezzature. Esiste un arretrato di manutenzione di £ 6 miliardi di cui oltre 3 miliardi di £ rappresentano un "rischio elevato o significativo", il che significa che probabilmente vi saranno gravi interruzioni dei servizi e tutto ciò influirà significativamente sulla qualità e sulla sicurezza dell'assistenza ai pazienti”.
 
Ben Gershlick, un economista presso la Health Foundation, ha dichiarato che l'annuncio di Johnson è stato il benvenuto, ma ben al di sotto di ciò che è necessario. "Mentre il primo ministro potrebbe non vedere l'ora di tagliare il nastro in un nuovo reparto ospedaliero, anni di investimenti insufficienti nelle infrastrutture del NHS significano che questo denaro extra rischia di essere poco più che una goccia nell'oceano".
 
Nigel Edwards, amministratore delegato del Nuffield Trust, un programmatore sanitario, ha affermato che il finanziamento coprirà solo una parte di ciò che costerebbe per aggiornare correttamente 20 ospedali. 
 
Derek Alderson, presidente del Royal College of Surgeons, ha accolto con favore l'investimento aggiuntivo, ma ha affermato che l'annuncio è stato "come un padrone di casa assente che dice che aggiusterà la doccia, ma i servizi igienici rotti, i muri umidi e l'elettricità pericolosa dovranno aspettare" . 
 
Vedremo cosa accadrà in settembre se i progetti per gli ospedali decolleranno e se nel preparare le misure di governo per il 2020, il NHS avrà almeno le risorse per gli investimenti promessi.
 
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla salute 
6 agosto 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata