toggle menu
QS Edizioni - lunedì 1 giugno 2020

Regioni e Asl - Toscana

Coronavirus. Dpi: Cgil, Cisl e Uil diffidano Ausl Toscana Nord Ovest

immagine 19 marzo - “La fornitura di idonei Dpi per il personale esposto che presta servizio nelle strutture sanitarie dell’Usl Toscana Nord Ovest è insufficiente o inesistente”, spiegano i Sindacati, “I lavoratori operano oggi in condizioni che non rispettano gli standard di sicurezza previsti. Stante l'attuale situazione pandemica, la cosa è evidentemente inaccettabile”
“Dispositivi di protezione insufficienti o inesistenti. È quanto dichiarano, in una nota, le funzioni pubbliche dei Sindacati Cgil, Cisl e Uil che hanno firmato una diffida ufficiale alla Asl e inviata al Prefetto, al Direttore Generale dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest e al Presidente della Conferenza dei Sindaci.

“La fornitura di idonei Dispositivi di Protezione Individuale per il personale esposto che presta servizio nelle strutture sanitarie dell’Usl Toscana Nord Ovest è insufficiente o inesistente”, spiegano i Sindacati. Quindi una forma diffida ad adempiere a quelle che sono le normative di settore e le linee guida, dettate a tutti i livelli a livello internazionale anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“I lavoratori operano oggi in condizioni che non rispettano gli standard di sicurezza previsti, il tutto con la conseguente possibile messa a rischio della Salute degli operatori stessi e degli utenti. Stante l'attuale situazione pandemica, la cosa è evidentemente inaccettabile. Vi chiediamo pertanto - concludono i sindacati - di procedere immediatamente al fine di produrre le indispensabili condizioni di tutela del singolo operatore, della Collettività e della Salute pubblica”.

In caso non arrivi una risposta adeguata e tempestiva per risolvere il problema, le funzioni pubbliche di Cgil, Cisl e Uil sono pronte ad “agire in ogni modo e in ogni sede ai fini di tutelare al tempo stesso la cittadinanza e gli operatori”.
19 marzo 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata