toggle menu
QS Edizioni - mercoledì 27 ottobre 2021

Regioni e Asl - Valle d'Aosta

Vaccini Covid. Approvato l’accordo con le farmacie

immagine 26 aprile - Le farmacie somministreranno vaccini appropriati per le relative fasce di popolazione, con l'esclusione, in ogni caso, dei soggetti ad estrema vulnerabilità o con anamnesi positiva per pregressa reazione allergica grave/anafilattica. Per ogni dose somministrata riceveranno 6 euro, a cui si aggiungeranno 5 euro per le funzioni organizzative. In caso di vaccinazione che richieda due somministrazioni, per la seconda dose, le farmacie riceveranno 6 euro a cui si aggiungerà 1 euro per le finalità organizzative.
La Giunta della Valle D’Aosta ha approvato oggi lo schema di Accordo tra la Regione, l’Azienza USL, Federfarma e Assofarm per la somministrazione dei vaccini anti COVID-19 presso le farmacie pubbliche e private convenzionate agli assistiti residenti e iscritti al SSR. L’Accordo rappresenta l’esito dell’efficace confronto avvenuto nel corso delle riunioni del Tavolo Farmacie e si inserisce tra gli obiettivi del progetto “Farmacia dei servizi”, per cui già nei mesi passati, con l’attivazione della distribuzione dei presidi per diabetici e delle prenotazioni degli esami clinici, si erano poste le basi per una proficua collaborazione.  

Le farmacie somministreranno vaccini appropriati per le relative fasce di popolazione, con esclusione, in ogni caso, dei soggetti ad estrema vulnerabilità o con anamnesi positiva per pregressa reazione allergica grave/anafilattica.

Le farmacie che aderiranno su base volontaria alla campagna vaccinale riceveranno una remunerazione, per ogni vaccinazione eseguita, pari a 6 euro, a cui si aggiungeranno ulteriori 5 euro per le funzioni organizzative, nonché per il costo dei dispositivi di protezione individuale e dei materiali di consumo. Nel caso di vaccinazione che richieda due somministrazioni, per la seconda dose, le farmacie riceveranno, per ogni vaccinazione eseguita, un compenso pari a 6 euro a cui si aggiungerà un euro per le medesime finalità organizzative.  

“L’Accordo – commenta in una nota l’Assessore Roberto Alessandro Barmasse – si inserisce quale azione a potenziamento della campagna vaccinale in corso. Le farmacie, infatti, assolvono un ruolo centrale e particolarmente strategico sul territorio per il servizio di prossimità verso tutti gli utenti e, in questo particolare periodo di emergenza sanitaria, le medesime rappresentano dei preziosi punti di riferimento per gli assistiti, anche in considerazione della professionalità dei farmacisti che vi esercitano. Per tali ragioni, si è ritenuto necessario – spiega l’Assessore – incrementare le sedi vaccinali al fine di somministrare tempestivamente i vaccini anti SARS-CoV-2 che si renderanno disponibili nei prossimi mesi”.  

La deliberazione della Giunta regionale attua a livello regionale l’Accordo Quadro del 30 marzo 2021 sottoscritto tra il Governo, le Regioni e le Province autonome, Federfarma e Assofarm per la somministrazione da parte dei farmacisti del vaccino anti SARS-CoV-2 e rinvia le modalità organizzative del servizio ad un successivo protocollo operativo che sarà predisposto dall’Azienda USL della Valle d’Aosta.
26 aprile 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata