Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Marche
segui quotidianosanita.it

Lo Smi non aderisce all’accordo 118/Asur Marche

Alla base del rifiuto un articolo dell’accordo che disciplina l’attività del medico 118 in Pronto soccorso durante lo stazionamento libero da attività sul territorio che introdurrebbe “un elemento di disturbo tra medico e paziente”. Ricci: “Tuteliamo la dignità professionale dei medici del 118 e il diritto alla salute di tutti i cittadini marchigiani”

04 APR - “Si è svolto l’ultimo incontro tra sindacati rappresentanti dei medici 118 convenzionati e l’Asur Marche; l’appuntamento è stato necessario a seguito del fatto che l’accordo è stato già firmato da Fimmg e Snami, mentre lo Smi si è rifiutato di sottoscriverlo”.
 
Così Giovanbattista Ricci, Responsabile dello Smi per l’Emergenza Sanitaria Territoriale Convenzionata Marche che ha spiegato i motivi dell’opposizione all’Accordo.
 
“La causa risiede, essenzialmente, nei contenuti di un articolo dell’accordo che disciplina l’attività del medico 118 in Pronto soccorso durante lo stazionamento libero da attività sul territorio (durante lo standby). Si arriva al paradosso che per questa modalità lavorativa la retribuzione del medico è calcolata con un compenso per ogni singolo paziente visitato – continua il sindacalista – questa norma introduce, a nostro modo di vedere, un elemento di disturbo tra medico e paziente, in quanto appare intuibile come il medico che si trovi in tale condizione possa essere spinto a privilegiare la quantità di visite a discapito della qualità della prestazione. Questa disposizione non tiene conto dei reali bisogni di salute dei cittadini”.
 
Per questo motivo lo Smi si oppone a tale accordo: “I medici dello Smi intendono sospendere ogni di ogni forma di attività in Pronto Soccorso, Punti di Primo Intervento e Punti di Assistenza Territoriale dando, come prevede la legge, un adeguato preavviso alle rispettive direzioni sanitarie. Tuteliamo la dignità professionale dei medici del 118 e il diritto alla salute di tutti i cittadini marchigiani – conclude Ricci – evitando accordi regionali che possano favorire una logica privatistica con la remunerazione a singola prestazione dei medici convenzionati del 118”.

04 aprile 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Marche

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy