Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 04 OTTOBRE 2022
Piemonte
segui quotidianosanita.it

Piemonte. Biella. Anaao: "Con piano regionale, nuovo ospedale rischia di perdere 80 posti letto e 6 strutture complesse" 

Il sindacato dei medici dirigenti lancia l'allarme e attacca la riforma: "La nuova struttura presenta elevatissimi contenuti tecnologici, che rischiano di essere sottoutilizzati se venissero confermati i tagli previsti dalla Regione”. E ricorda: "I posti letto sono già stati decurtati da 512 a 482, con altri tagli situazione sarebbe insostenibile".

04 FEB - La segreteria e il consiglio aziendali Anaao dell’Asl di Biella esprimono tutta la loro preoccupazione e il loro disappunto “per le conseguenze del piano sanitario regionale che prefigura, per il nuovo ospedale, la soppressione di 80 posti letto e di sei strutture complesse”. Il neo-inaugurato Ospedale degli infermi, spiega una nota, “è una struttura ad elevatissimi contenuti tecnologici, che rischiano di essere sottoutilizzati se venissero confermati i tagli previsti dalla Regione”.

L’Anaao sottolinea quindi che, se i posti letto, già decurtati da 512 a 482, verranno, come annunciato, ulteriormente ridotti a circa 400, “si aggraveranno ulteriormente i seri problemi già esistenti, che hanno portato l’Ospedale di Biella a dover sospendere i ricoveri d’elezione per far fronte alla massa di ricoveri d’urgenza che sono stati necessari”. “La domanda che sorge inevitabile è sempre la stessa: esiste un piano organico che dimostri quali criteri sono stati adottati per decidere su quali Reparti e Servizi risparmiare? E l’Assessore Saitta accetta, su questo tema, di confrontarsi con i sindacati della dirigenza medica, come aveva promesso?” ha dichiarato il Segretario Regionale Anaao Assomed Mario Vitale.
 

04 febbraio 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Piemonte

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy