Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 FEBBRAIO 2023
Provincia Autonoma di Bolzano
segui quotidianosanita.it

Covid-19. Screening di massa efficaci per contenere i contagi: -45% nel tasso di crescita dell’infezione. I risultati dello studio in Alto Adige

Lo studio effettuato sulla base dei dati derivanti dall’esperimento condotto in Alto Adige a novembre 2020 mostrano un significativo abbassamento dei contagi nelle settimane successive rispetto a quello che si sarebbe osservato in assenza dei test. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Scientific Reports

07 NOV -

A novembre del 2020, la popolazione della provincia di Bolzano venne invitata dalle istituzioni locali a prendere parte a una campagna di screening di massa, basata sulle adesioni volontarie, che durò un fine settimana (dal 20 al 22). L’operazione - organizzata dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige e dall’Agenzia per la Protezione Civile in collaborazione con i Comuni, i Vigili del Fuoco volontari, la Croce Bianca e la Croce Rossa - mobilitò un intero territorio: in circa 300 strutture su tutto il territorio altoatesino, 362.050 persone di età superiore ai 5 anni hanno potuto sottoporsi al test. Al termine, 3.615 furono rilevate positive al test e conseguentemente isolate. Nei mesi successivi l’Alto Adige precipitò tra le regioni di colore rosso scuro in Europa (quelle con la più alta incidenza di contagi su 100mila abitanti) e ciò contribuì a sollevare non poche perplessità sull’effettiva utilità dello screening di massa.

Adesso, Scientific Reports del gruppo Springer Nature, ha pubblicato in modalità open access – quindi disponibile liberamente a tutti - la ricerca frutto del lavoro dei professori di unibz Davide Ferrari, statistico, Steven Stillman, economista, e del docente unibz, nonché direttore dell’Istituto per la Ricerca Valutativa sulle Politiche Pubbliche della Fondazione Bruno Kessler, Mirco Tonin, che contrappone la chiarezza dei numeri alle impressioni, sottolineando come lo sviluppo della pandemia sarebbe stato ancora peggiore in assenza del test di massa.

Nell’articolo intitolato Assessing the Impact of COVID-19 Mass Testing in South Tyrol using a Semi-parametric Growth Model (Valutazione dello screening di massa contro la Covid-19 in Alto Adige/Südtirol attraverso un modello di crescita semi-parametrico, ndt.), i tre docenti dimostrano - sulla base di un approccio statistico che permette di effettuare confronti con territori italiani simili per dinamiche di trasmissione del virus e misure di contenimento messe in atto, ad esclusione dello screening - che il fine settimana di test di massa effettuato in Alto Adige ha fruttato risultati più che positivi.

“L’approccio che abbiamo adottato nel nostro studio è basato su modelli che confrontano i cambiamenti nel tempo in un luogo in cui viene effettuato un certo intervento con quelli che avvengono nello stesso lasso temporale in luoghi simili, ma dove non si è intervenuti – afferma il prof. Davide Ferrari – così facendo siamo stati in grado di isolare l’impatto della campagna di test di massa in Alto Adige rispetto alle politiche nazionali riguardanti libertà di movimento, chiusura delle attività commerciali e delle scuole, misure igienico-sanitarie, poiché, nello stesso periodo, in provincia di Bolzano non era stata applicata nessuna altra misura che si differenziasse dal resto del Paese e che potesse giustificare una flessione nell’andamento dei contagi”.

Secondo le stime dei tre docenti, complessivamente, la campagna di screening di massa in Alto Adige ha portato a una diminuzione del tasso di crescita dei contagi da Covid-19 del 45% rispetto a quello che si sarebbe osservato in assenza dei test. “In particolare, senza lo screening, abbiamo appurato che a 7, 10, 20 e 40 giorni dalla data dell’intervento, avremmo avuto un ulteriore aumento dei casi di contagi rispettivamente del 17, 22, 26 e 51%”, aggiunge Steven Stillman.

“L’efficacia di questo tipo di interventi dipende dalla partecipazione dei cittadini ed è importante notare che questo grande impatto è stato ottenuto anche se il test era volontario, segno che la popolazione ne aveva compreso l’importanza”, sottolinea Mirco Tonin.



07 novembre 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Lo studio

Altri articoli in QS P.A. Bolzano

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy