Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 03 AGOSTO 2021
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Smi: “Un primo passo importante”


01 MAR - “Lo Smi (Sindacato Medici Italiani) della Regione Umbria si batte, da tempo, per la pubblicazione delle zone carenti di 118, secondo quanto previsto dall'Accordo Collettivo Nazionale. Aspettiamo che tali zone siano definite da circa sei anni, per valutare quanto sia il fabbisogno di personale medico e sanitario per la medicina d’urgenza in tutta la regione. Per questo la decisione della Terza commissione consiliare regionale, di approvare all’unanimità la risoluzione a riguardo i medici precari del 118 che impegna la Giunta a promuovere azioni presso il Governo per trovare soluzioni e strumenti idonei ad avviare un processo di stabilizzazione del personale medico precario di emergenza e urgenza, rappresenta un primo passo importante”. Ad affermarlo, in una nota, Maurizio Lucarelli, segretario regionale Smi Umbria.

“E’ giunto il momento che ai medici con incarico a tempo determinato sia riconosciuto la possibilità di una stabilizzazione; ma la normativa vigente non prevede nulla per i medici che non abbiano il titolo specifico per concorrere alle zone carenti. Questa impasse, che penalizza la medicina di emergenza e il 118, mettendo a rischio la salute dei cittadini, può essere superata anche con un atto politico regionale che riconosca il lavoro di quei medici che per anni ha sostenuto un servizio medico essenziale per tutta la comunità umbra, come il 118” aggiunge il segretario regionale umbro dello SMI.


“Si metta fine a un’odiosa situazione di precarietà in sanità e si garantisca la salute di tutti i cittadini umbri” conclude Lucarelli.
 

01 marzo 2019
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy